Gassman, Pagliai, Scimemi, Raimondi e Castellani ospiti di Massini nella trasmissione "Ricomincio da RaiTre"

 

LO STABILE DI BOLZANO TRA GLI OSPITI DI STEFANO MASSINI NELLA TRASMISSIONE “RICOMINCIO DA RAITRE” SABATO 18 SETTEMBRE alle 21.20

Paola Gassman, Ugo Pagliai, Francesco Scimemi, Valeria Raimondi ed Enrico Castellani presentano “Romeo e Giulietta. Una canzone d’amore”

“Romeo e Giulietta. Una canzone d’amore”, spettacolo nato a Bolzano, prodotto dal suo Teatro Stabile assieme al Teatro Stabile del Veneto ed Estate Teatrale Veronese, sarà uno dei protagonisti della puntata di sabato 18 settembre di “Ricomincio da RaiTre”, trasmissione televisiva del drammaturgo e autore Stefano Massini in onda su Rai 3 alle 21.20.
Nell’ambito della serata evento, Paola Gassman, Ugo Pagliai e Francesco Scimemi, protagonisti di questa inedita rielaborazione del dramma shakespeariano, daranno vita ad alcune delle scene più significative dello spettacolo, scritto e diretto da Babilonia Teatri, compagnia composta da Valeria Raimondi ed Enrico Castellani, vincitrice del Leone D’argento alla Biennale Teatro nel 2016. Lo spettacolo che ha debuttato l’11 settembre 2020 al Teatro Romano di Verona, è stato trasmesso con grande successo da Rai5 e da questa estate ha ripreso il suo tour nei principali teatri d’Italia. Lo sguardo profondo e irriverente che caratterizza Babilonia Teatri inquadra il grande classico di Shakespeare con un radicale ribaltamento di prospettiva mettendo al centro dello spettacolo una coppia inossidabile come quella formata da Pagliai e Gassman. Questa versione di “Romeo e Giulietta” si concentra completamente sui protagonisti della vicenda e si interroga su quando questa storia d’amore possa essere ancora nostra, su quanto possa appartenere agli attori che la interpretano. L’età di Romeo e Giulietta cambia, ma il binomio Amore e Morte su cui si basa il capolavoro di Shakespeare rimane presente.

DSC 3277 pagliai gassman scimemi banner

“Ricomincio da RaiTre” è un progetto nato alla fine dello scorso anno per rispondere al blocco degli spettacoli dal vivo in Italia a causa della pandemia, ed offre una selezione degli spettacoli che saranno in scena nella prossima stagione, attraverso anticipazioni, brani di repertorio, interviste, racconti, curiosità. In questo modo Rai3 vuole offrire la possibilità a una parte di quel mondo della produzione teatrale, privato per tanto tempo del palcoscenico, di rappresentare i nuovi spettacoli sostenendo e promuovendo l'attesa nuova stagione. Lo Stabile di Bolzano in collaborazione con lo Stabile del Veneto consolida il legame con Stefano Massini di cui ha recentemente allestito e messo in scena a porte chiuse “Eichmann. Dove inizia la notte” durante il periodo di lockdown. Diretto da Mauro Avogadro e interpretato da Ottavia Piccolo e Paolo Pierobon, lo spettacolo debutterà al Piccolo Teatro di Milano – Teatro D’Europa nel febbraio del 2021. Volto noto al grande pubblico per i suoi interventi incisivi e graffianti nell’ambito delle trasmissione tv “Piazza Pulita” su LA7 e per “Ricomincio da RaiTre”, Massini è scrittore poliedrico, saggista e romanziere oltre che drammaturgo, con i suoi testi Massini è rappresentato nei teatri di tutto il mondo. La sua ”Lehman Trilogy” è uno dei più importanti successi internazionali, ed è stata messa in scena da Luca Ronconi al Piccolo Teatro di Milano, e poi dal premio Oscar Sam Mendes per il National di Londra. Già rappresentato più volte a Broadway e nel West End, Massini è stato definito dal New York Times come una delle voci più alte della drammaturgia contemporanea.

 

In vendita i biglietti dei primi spettacoli della stagione 21/22

 

In vendita i biglietti dei primi spettacoli della stagione 2021/2022

 

Paolo Fresu, Anna Foglietta, Michele Placido, Rocco Papaleo, Paola Minaccioni, Natalino Balasso, Filippo Dini, Elio, Pippo Delbono, Marco Paolini, Daniele di Bonaventura, Ottavia Piccolo, Ugo Dighero, Poalo Pierobon e Claudio Bisio sono solo alcuni dei protagonisti della prima parte della stagione proposta dallo Stabile a Bolzano, Merano, Bressanone, Brunico e Vipiteno. Mentre la stagione FUORI! costella la provincia di spettacoli, lo Stabile ha già messo in vendita i biglietti singoli per la prima parte di stagione 2021/2022.

peachum banner sito

Non potendo ancora prevedere la capienza delle sale teatrali, fino a gennaio 2022 lo Stabile si trova costretto a congelare gli abbonamenti in essere e a vendere solo i biglietti singoli per gli spettacoli in cartellone. Come per la passata stagione, il TSB ha adottato una politica di prezzi semplificata, pensata per favorire ulteriormente la presenza di un vasto pubblico. Le fasce di prezzo sono solo tre: €15 intero, €10 ridotto, €6 Under26. Agli abbonati 2019/2020 è riservato il prezzo ridotto di €10.

balasso banner sito

La stagione di Bolzano inizia il 28 ottobre con “Tango Macondo”, spettacolo nel quale la musica dal vivo di Paolo Fresu, Daniele di Bonaventura e Pierpaolo Vacca, si intreccia al testo di Giorgio Gallione che delinea un viaggio intriso di magia dalla Sardegna al Sudamerica e all’interpretazione di Ugo Dighero e Rosanna Naddeo. Rocco Papaleo torna a Bolzano come protagonista di “Peachum”, produzione scritta da Fausto Paravidino per il TSB che si ispira all’”Opera da tre soldi” di Bertolt Brecht. Un’altra produzione firmata TSB vede Natalino Balasso portare in scena il Ruzante, una sua arguta riscrittura dell’opera di Angelo Beolco per la regia di Marta Dalla Via; dopo il debutto al Comunale di Bolzano, la commedia verrà presentata anche a Merano, Bressanone, Brunico e Vipiteno. Filippo Dini dirige e il regista e l’interprete di “Casa di Bambola” di Henrik Ibsen; Michele Placido vestirà i panni del temibile Don Marzio nella commedia goldoniana “La bottega del Caffè” diretta da Paolo Valerio.

la gioia banner sito

Sempre al Comunale di Bolzano Pippo Delbono ambienterà le sue opere più recenti, “La Gioia” e “Amore” e pochi giorni dopo Claudio Bisio darà voce allo spettacolo “La mia vita raccontata male” tratto dal libro di Francesco Piccolo. A Merano, Bressanone, Brunico e Vipiteno i cartelloni inaugureranno con Anna Foglietta e Paola Minaccioni, protagoniste de “L’attesa” di Remo Binosi, spettacolo diretto da Michela Cescon presentato sotto forma di reading nell’ambito di FUORI!; Elio porterà in scena “Il grigio”, l’opera teatrale più famosa di Giorgio Gaber e Marco Paolini affiancato da Saba Anglana e Lorenzo Monguzzi condurrà il pubblico nella nuova versione dello spettacolo “Teatro Fra Parentesi”.

BISIO banner sito

I biglietti singoli per gli spettacoli della prima parte di stagione sono acquistabili presso le Casse del Teatro Comunale di Bolzano (mart.-ven. 11-14 e 17-19), on-line sul sito teatro-bolzano.it e tramite la app del Teatro Stabile (iOS e Android).

È on-line la App del Teatro Stabile di Bolzano

 

È ONLINE LA APP DEL TEATRO STABILE DI BOLZANO

La App del Teatro Stabile di Bolzano è il modo più immediato per rimanere aggiornati su tutti gli spettacoli in programma in tutta la provincia. Scaricala ora e registrati per scoprire in anteprima alcuni dei titoli che abbiamo pensato per la Stagione 2021/22 !

Link iOS: http://bit.ly/APPTSB-iOS
Link Android: http://bit.ly/APPTSB-Android

 

«La nuova App incrementa il processo di digitalizzazione dei nostri canali di vendita e va a integrare l’offerta di servizi a favore degli spettatori. Con un clic si potranno consultare informazioni utili e soprattutto acquistare i biglietti, potendo contare su aggiornamenti in tempo reale e promozioni. Uno strumento facile da usare rivolto a tutti ma con un’attenzione particolare al pubblico più giovane!

Per procedere all'acquisto dei biglietti sulla nostra APP è necessario registrare il proprio profilo alla nostra Community. Dopo aver selezionato l’evento di vostro interesse potrete procedere alla prenotazione direttamente dal vostro smartphone. Vi sarà richiesta un'ulteriore registrazione al sistema di biglietteria www.ticket.bz.it (se non lo avete mai fatto in passato) per poter procedere poi in ambiente di ticket office inserendo quindi i vostri dati bancari.

 

Siamo già al lavoro per migliorare questa prassi !

 

 

Ugo Pagliai e Paola Gassman sono "Romeo e Giulietta" nello spettacolo di Babilonia Teatri.

 

“ROMEO E GIULIETTA.UNA CANZONE D’AMORE” LA PRODUZIONE DEL TSB CHE VEDE PAOLA GASSMAN E UGO PAGLIAI INTERPRETARE IL RUOLO DEI DUE INNAMORATI.

Lo spettacolo scritto dai Babilonia Teatri, nato dalla coproduzione tra il Teatro Stabile di Bolzano, Teatro Stabile del Veneto ed Estate Teatrale Veronese, torna in tournée.

Ugo Pagliai e Paola Gassman sono i protagonisti di questo inedito “Romeo e Giulietta. Una canzone d’amore” che la compagnia Babilonia Teatri, vincitrice del Leone d’argento alla Biennale di Venezia nel 2016 ha tratto da William Shakespeare. Una produzione nata a Bolzano e sviluppata grazie alla sinergia tra Teatro Stabile del Veneto ed Estate Teatrale Veronese che dopo l’anteprima al Teatro Romano di Verona dell’11 settembre scorso, ha dovuto sospendere il tour causa lockdown.

“Romeo e Giulietta. Una canzone d’amore” verrà presentato l'1 e il 2 settembre ad Andria, al XXV Festival internazionale Castel dei Mondi presso il Palazzo Ducale e il 20 e 21 settembre al Teatro Ponchielli di Cremona.

Lo sguardo profondo e irriverente che caratterizza i Babilonia Teatri, ha inquadrato il grande classico di Shakespeare con un radicale ribaltamento di prospettiva rendendo protagonista assoluta dello spettacolo una coppia inossidabile come quella formata da Pagliai e Gassman, affiancati da Enrico Castellani, Valeria Raimondi e Francesco Scimemi.
La nuova versione di “Romeo e Giulietta” si concentra interamente sui protagonisti della vicenda, mettendo da parte tutto il contorno: la guerra tra le rispettive famiglie, gli amici di Romeo, i genitori di Giulietta e il frate. E lo spettacolo ci interroga su quanto questa storia sia anche nostra, su quanto sia quella degli attori che la interpretano, su quanto a lungo possa ancora sopravvivere a se stessa dopo averci accompagnati. «Quando abbiamo deciso di mettere in scena Romeo e Giulietta avevamo chiare due scelte: gli unici personaggi di Shakespeare presenti nello spettacolo sarebbero stati Romeo e Giulietta e ad interpretarli sarebbero stati due attori anziani» affermano i Babilonia. «Le scene in cui Romeo e Giulietta si incontrano e dialogano, isolate dal resto del testo, assurgono a vere e proprie icone di un amore totale e impossibile. Il fatto che a pronunciarle siano Paola Gassman e Ugo Pagliai, coppia legata da più di cinquant'anni, le rende commoventi e profonde. Le rende concrete e per quanto poetiche non suonano mai auliche. I continui riferimenti alla morte, alla fine, alla notte e alla tomba di cui Shakespeare punteggia l'intero testo assumono qui una veridicità che sconvolge ed emoziona spingendoci ad empatizzare con gli attori sulla scena». L’età di Romeo e Giulietta cambia, ma il binomio Amore e Morte su cui si basa il capolavoro di Shakespeare rimane presente.

 

1 e il 2 settembre Andria- XXV Festival internazionale Castel dei Mondi 

21 settembre Cremona, Teatro Ponchielli

 

Naviga il tuo teatro !

 

NAVIGA IL TUO TEATRO!

Tutta la vita del Teatro Stabile di Bolzano è online.

In occasione dei 70 anni, Il TSB ha realizzato un archivio storico digitale che permette di ricercare in maniera immediata e diretta la memoria dell’ente. Un archivio che raccoglie e cataloga i 70 anni della sua storia. Un lavoro in continuo aggiornamento che è passato attraverso la digitalizzazione e la catalogazione di 20.000 documenti di varia natura, un progetto transmediale che si ispira ai grandi teatri europei.

Dall’indirizzo archivio.teatrostabilebolzano.it è possibile navigare nella storia del Teatro Stabile di Bolzano, scoprire o riscoprire i suoi protagonisti vicini o lontani, riappropriarsi visivamente di un tesoro artistico che è di tutti i cittadini.

 

 

 

 

Sostieni il TSB con il 5x1000

SOSTIENI IL TUO TEATRO CON IL 5 X 1000

Se credi nel valore della cultura, puoi fare un gesto gratuito e di grande responsabilità: quando compili la dichiarazione dei redditi, scegli di destinare il 5 x1000 al Teatro Stabile di Bolzano. Indica nell'apposito riquadro del modulo 730, CUD, o Modello Unicoil il codice fiscale: 00143620219 .


Grazie!

Iscriviti alla nostra newsletter

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Non perdere nemmeno un appuntamento del Teatro Stabile di Bolzano.  
Se vuoi essere sempre aggiornato sugli spettacoli e le iniziative culturali del Tsb, iscriviti alla nostra newsletter.
riceverai una comunicazione prima di ogni evento e potrai annullare la tua iscrizione in ogni momento con la massima facilità.

Ti aspettiamo a Teatro! Grazie!

 

Sostieni il tuo Teatro con il 5 x 1000 !

Anche quest'anno puoi destinare il 5x1000 dell’Irpef al Teatro Stabile di Bolzano.

Non costa nulla e permette di sostenere i progetti culturali e gli spettacoli di una delle istituzioni teatrali più prestigiose d’Italia, che il 20 novembre 2010 ha compiuto 60 anni.

E’ sufficiente inserire nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale / partita Iva del Teatro Stabile 00143620219 nello spazio 5x1000 dedicato al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale”.

La Tua scelta diventa in questo modo un aiuto concreto!

TERMINATA CON SUCCESSO LA TOURNEE DE "LA VITA CHE TI DIEDI” DI LUIGI PIRANDELLO

Terminata con successo la tournèe de  “La vita che ti diedi”, di Luigi Pirandello, spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Bolzano. Regia Marco Bernardi, con Patrizia Milani, Carlo Simoni, Gianna Coletti, Karoline Comarella, Paolo Grossi, Sandra Mangini, Giovanna Rossi, Irene Villa, Riccardo Zini. Scene Gisbert Jaekel, costumi Roberto Banci, suoni Franco Maurina, luci Massimo Polo.

 

Guarda la fotogallery 

...continua

"LA VITA CHE TI DIEDI" UN DRAMMA SULL'AMORE MATERNO SCRITTO DA LUIGI PIRANDELLO. ECCO UNA SCENA DELLO SPETTACOLO

"La vita che ti diedi"  di Luigi Pirandello è un  dramma  interamente condotto sul filo dell’amore materno. L'amore materno è l’unico valore che sopravvive intatto tra le macerie dei falsi valori della società e che nella sua autenticità risulta indenne da ogni schematismo ideologico. Patrizia Milani interpreta la protagonista, Donn’Anna Luna.

 

"LA VITA CHE TI DIEDI": GLI SCATTI DI TOMMASO LE PERA. GUARDA LA FOTOGALLERY

Le foto di scena firmate da Tommaso Le Pera de "La vita che ti diedi"  tragedia di Luigi Pirandello diretta da Marco Bernardi e interpretata da Patrizia Milani, Carlo Simoni, Gianna Coletti, Karoline Comarella, Paolo Grossi, Sandra Mangini, Giovanna Rossi, Irene Villa, Riccardo Zini. 

...continua

"SANGUINARE INCHIOSTRO" IL NUOVO TESTO DI ANDREA CASTELLI E' UN VIAGGIO AD INCONTRARE UOMINI CELEBRI O SCONOSCIUTI CHE SCRISSERO DEGLI ORRORI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

A cento anni dallo scoppio della Grande Guerra, il Teatro Stabile di Bolzano e il Centro Servizi Culturali Santa Chiara di Trento propongono uno spettacolo che ripercorre la perversa follia del primo conflitto mondiale che ha cambiato il XX secolo segnando la storia europea in modo indelebile.   Il testo è a cura di Andrea Castelli che da anni desiderava riflettere con il linguaggio del teatro su questo tema spaventoso; la regia è di Carmelo Rifici, da sempre molto interessato a portare sulle tavole del palcoscenico le riflessioni sulla Storia, grande o piccola che sia. Basta pensare a due spettacoli davvero riusciti come "Avevo un bel pallone rosso" di Angela Demattè e "La Rosa Bianca" di Lillian Groag, anch'essi voluti da Marco Bernardi e prodotti dal Teatro Stabile di Bolzano con l'interpretazione dello stesso Castelli.
    "Sanguinare inchiostro" che fa rivivere sulla scena alcune pagine di scrittori famosi, ma soprattutto le testimonianze di soldati trentini arruolati con l’Austria, è un viaggio ad incontrare uomini che, in una sorta di museo degli orrori, scrissero della peggior esperienza del mondo, facendo sanguinare sul foglio la propria sofferenza.

 

 

 

ANDREA RAUCH, MAESTRO DELLE ARTI GRAFICHE RIPERCORRE TRENT'ANNI DI SPETTACOLI DEL TEATRO STABILE CON UNA GALLERIA DI AUTORI MESSI IN SCENA DA MARCO BERNARDI

Una galleria di ritratti dei più grandi autori della letteratura teatrale: è l'omaggio dell'artista Andrea Rauch al regista Marco Bernardi,  nel suo ultimo anno di direzione del Teatro Stabile di Bolzano.

 

...continua

"RETROSCENA" I 4 ARTICOLI DI ALESSANDRA LIMETTI DEDICATI ALLE PROVE DELLO SPETTACOLO "LA VITA CHE TI DIEDI" E PUBBLICATI SULL'ALTO ADIGE

"Retroscena" è un percorso di riflessione in quattro tappe sull'allestimento dello spettacolo "La vita che ti diedi" di Pirandello scritto da Alessandra Limetti per le pagine del quotidiano Alto Adige. Pubblichiamo per gentile concessione dell'Alto Adige tutti gli articoli che hanno accompagnato le prove dello spettacolo diretto da Marco Bernardi e interpretato da Patrizia Milani e Carlo Simoni,Gianna Coletti, Karoline Comarella, Paolo Grossi, Sandra Mangini, Giovanna Rossi, Irene Villa, Riccardo Zini.

...continua

PRESENTATE LE INIZIATIVE DEDICATE AI GIOVANI "W IL TEATRO!" E I CORSI "GIOVANI IN SCENA" A BOLZANO E BRESSANONE

Presentate oggi le iniziative dedicate ai giovani realizzate dal Teatro Stabile di Bolzano in collaborazione con il Dipartimento Cultura italiana della Provincia Autonoma di Bolzano e  dall'intendenza scolastico. La ventiseiesima edizione di "W IL TEATRO!",ovvero il teatro nella scuola, il percorso di avvicinamento alla conoscenza dei linguaggi teatrali rivolto a un pubblico di giovani dai 6 ai 19 anni e i corsi Giovani in scena a Bolzano e Bressanone, realizzati rispettivamente in collaborazione con il "Centro Vintola 18" e "Connection". Le iscrizioni ai corsi sono aperte!

...continua

LE DONNE PROTAGONISTE DELLA SESSANTACINQUESIMA STAGIONE DELLO STABILE DI BOLZANO

La sessantacinquesima stagione dello Stabile di Bolzano, l’ultima diretta da Marco Bernardi, vuole rendere omaggio alle donne. «Ho voluto dedicare la mia ultima stagione da direttore del Teatro Stabile di Bolzano ai grandi personaggi femminili che animano i nostri palcoscenici e agli sguardi femminili del nostro pubblico più fedele e appassionato» afferma Bernardi che lascerà l’incarico nel giugno del 2015, dopo 35 anni di direzione dello Stabile bolzanino, il secondo teatro stabile più longevo d’Italia, dopo il Piccolo di Milano.

...continua

È WALTER ZAMBALDI IL SUCCESSORE DI MARCO BERNARDI ALLA DIREZIONE DEL TEATRO STABILE DI BOLZANO

Walter Zambaldi, 39 anni, bolzanino, sarà il successore di Marco Bernardi alla direzione del Teatro Stabile di Bolzano a partire dal 18 giugno 2015. Lo ha nominato oggi all’unanimità il Consiglio di Amministrazione del Teatro Stabile presieduto da Giovanni Salghetti Drioli.
Lo Stabile ha promosso una selezione pubblica alla quale hanno risposto 71 candidati di ogni parte d’Italia. Il Consiglio di Amministrazione ha nominato una Commissione composta da Marco Bernardi, Leonardo Cantelli, Claudia Cannella e Carlo Corazzola, con il compito di verificare quali fossero i candidati in possesso di tutti i requisiti richiesti dal bando.

Alla fine dell'accurato percorso di selezione la Commissione e il Consiglio di Amministrazione hanno individuato in Walter Zambaldi una figura manageriale qualificata, capace di coniugare conoscenza e passione teatrale con competenze amministrative, oltre all'ottima conoscenza delle realtà culturali e teatrali del Trentino Alto Adige.

...continua