SE QUESTO È UN UOMO

dall’opera di Primo Levi (pubblicata da Giulio Einaudi editore)
condensazione scenica a cura di Domenico Scarpa e Valter Malosti

uno spettacolo di Valter Malosti

scene Margherita Palli
luci Cesare Accetta
costumi Gianluca Sbicca
progetto sonoro Gup Alcaro
tre madrigali (dall’opera poetica di Primo Levi) Carlo Boccadoro
video Luca Brinchi, Daniele Spanò

in scena Valter Malosti
e Antonio Bertusi, Camilla Sandri

Produzione EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE / TPE - TEATRO PIEMONTE EUROPA / TEATRO STABILE DI TORINO - TEATRO NAZIONALE / TEATRO DI ROMA - TEATRO NAZIONALE

 

Progetto realizzato in collaborazione con Centro Internazionale di Studi Primo Levi, Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Primo Levi, Polo del ‘900 e Giulio Einaudi editore in occasione del 100° anniversario dalla nascita di Primo Levi (1919 – 1987).

La voce di Primo Levi è la voce che più di ogni altra ha saputo far parlare Auschwitz: la voce che da oltre settant’anni, con Se questo è un uomo, racconta ai lettori di tutto il mondo la verità sullo sterminio nazista. È una voce dal timbro inconfondibile, mite e salda: «considerate che questo è stato».
Nel centenario della nascita di Levi, Valter Malosti - attore, regista e formatore - ha firmato la regia e l’interpretazione di Se questo è un uomo, portando per la prima volta in scena direttamente il romanzo, senza alcuna altra mediazione, e la voce di questa irripetibile opera prima, che è il libro di avventure più atroce e più bello del ventesimo secolo. Una voce che nella sua nudità sa restituire la babele del campo – i suoni, le minacce, gli ordini, il rumore della fabbrica di morte.
La voce è quella del testimone-protagonista, ma i suoi registri sono molti. La voce di Se questo è un uomo contiene in realtà una moltitudine di registri espressivi, narrativi, percettivi e di pensiero.
Questi registri, questi fotogrammi del pensiero nel suo divenire sono la vera azione del testo. Riflessioni, guizzi, rilanci filosofici e psicologici, flash-back e flash-forward, “a parte” cognitivi.
«Volevo creare un’opera – dice Malosti – che fosse scabra e potente, come se quelle parole apparissero scolpite nella pietra. Spesso ho pensato al teatro antico mentre leggevo e rileggevo il testo. Da qui l’idea dei cori tratti dall’opera poetica di Levi detti o cantati. Da qui ha preso le mosse l’idea di utilizzo dello spazio. Una sorta di installazione d’arte visiva più che una classica messa in scena teatrale».

 

 

BOLZANO, Teatro Comunale, Sala Grande dal 10 al 13 febbraio

10.02 2022
20:30
Bolzano Sala Grande
11.02 2022
19:00
Bolzano Sala Grande
12.02 2022
20:30
Bolzano Sala Grande
13.02 2022
16:00
Bolzano Sala Grande

La App del Teatro Stabile di Bolzano è il modo più immediato per rimanere aggiornati su tutti
gli spettacoli in programma in tutta la provincia.

Scarica l'applicazione ufficiale sul tuo smartphone da App Store e Google Play e registrati per scoprire
in anteprima alcuni dei titoli che abbiamo pensato per la Stagione 2021/22!

Teatro Stabile di Bolzano
Piazza Verdi, 40
Bolzano 39100
Tel. 0471 30 15 66
Fax 0471 327525

info@teatro-bolzano.it
teatrostabilebolzano@pec.it
P.IVA: 00143620219

Soci fondatori
Partner