Wordbox- Scritture 19 novembre

La serata di venerdì abbina La gente addosso di Francesco Spaziani (50'), Qualcosa di mio di Sharon Amato (50') , Questa cosa che sembra me di Lorenzo Maragoni (40') e Il complesso del pappagallo di Antonio Carreddu

 

Gli allievi di “Scritture” sono stati selezionati tra 257 candidati già attivi in ambito teatrale e interessati ad affinare le proprie capacità di scrittura tramite un corso di livello avanzato. La scuola, concepita in piena pandemia in un momento di crisi senza precedenti per il mondo dello spettacolo, rappresenta un’importantissima novità per il sistema-teatro. Nata dall’esperienza del più importante concorso italiano di drammaturgia, il Premio Riccione, Scritture mette infatti in rete cinque prestigiose istituzioni teatrali formando gli autori di domani sotto la direzione di una drammaturga dall’esperienza internazionale.

 

E' possibile sottoscrivere un abbonamento all'intero ciclo di Wordbox-Scritture cliccando qui .

Biglietti acquistabili qui in cassa al Teatro Comunale o scaricabili dalla nostra App

 

Francesco Spaziani, La gente addosso 
Un uomo si trova di fronte al corpo di sua madre, di fronte a un passaggio della sua vita, a un cambiamento. E se c’è una sola cosa che lui odia al mondo è che le cose cambino. Un percorso ironico a ritroso su quello che poteva essere e non è stato, su quello che si poteva dire e non si è detto. Una favola surreale sul lasciare andare e sul trattenere, sulla consapevolezza che per quanto ti sforzi tutto ha un suo percorso e noi non ci possiamo fare niente.


Sharon Amato, Qualcosa di mio
Jupo e Katrin sembrano aver trovato il loro equilibrio di convivenza, fino a quando non entra Nadia. Che cos’è una casa? È possibile creare un altro luogo, diverso dalla durezza del mondo circostante? In un quadro ironico e buffo, i tre giovani coinquilini provano a inventare un’altra vita sul filo invisibile di un tempo precario e instabile.

 

Lorenzo Maragoni, Questa cosa che sembra me
È il 2021. Il mondo dovrebbe essere un posto meraviglioso. E invece è un posto orrendo. Non dormiamo, non
parliamo, non sappiamo decidere nemmeno le cose più semplici. Con nostro orrore, abbiamo scoperto che c’è
solo una candidata disposta a salvarci da noi stessi: la poesia.

19.11 2021
18.00
Bolzano Teatro Comunale - sala prove

È TORNATA LA NOSTRA RASSEGNA ESTIVA!

Scarica e consulta il programma di FUORI!22 direttamente dal tuo cellulare o dal tuo PC.

 

PROGRAMMA

Teatro Stabile di Bolzano
Piazza Verdi, 40
Bolzano 39100
Tel. 0471 301566
Fax 0471 327525

info@teatro-bolzano.it
teatrostabilebolzano@pec.it
P.IVA: 00143620219

Soci fondatori
Partner