Building Lady Macbeth

"La principale location del film, nonché sede/laboratorio di Zorba, sarà l’Atelier del teatro e delle Arti, situato presso il mezzanino della stazione ferroviaria Repubblica, sottoterra. Si trova al crocevia fra la linea gialla della metropolitana M3 e il passante ferroviario milanese. La vetrina dell’atelier è attraversata ogni giorno da migliaia di persone tra cui abitanti, pendolari, studenti, lavoratori, turisti e ogni sorta di utente dei mezzi pubblici. Il nostro obbiettivo è far emergere sul grande schermo e portare alla luce della ribalta un’attività sotterranea. Rendere testimonianza di ciò che ci sta a cuore e che vogliamo condividere con il pubblico per mezzo di una storia. Assisterete alle prove di uno spettacolo teatrale e a tutte le vicissitudini e gli artifici di solito celati “dietro le quinte” che determineranno la riuscita o il fallimento dello spettacolo a partire dalla sua genesi fino al debutto in scena.
I nostri personaggi-di-professione cercano, tra le altre cose, di far ridere. Far ridere è una cosa seria, uno sporco lavoro. Cercano di far ridere danzando, parlando, ballando, ridendo, raccontando storie, dicendo parolacce, barzellette, etc. Cercano anche di commuovere e di divertire. E per farlo ricorrono alla finzione. Giocano a un gioco. Sul quale noi abbiamo deciso di fare un film, un documentario sulla vita e il mestiere tragicomico dell’attore.

Vi sono nette e contrastanti divisioni (e divisori) tra gli spazi scelti per il film. Vi è un sopra e un sotto, e all’interno di questo sotto-sopra vi è un dentro e un fuori. Gli elementi acustici e visivi caratterizzano gli spazi e fanno “emergere” delle differenze tra la superficie, ovvero la città, i palazzi e il cielo, le automobili, i negozi; e ciò che invece più ci interessa, ciò che sta sottoterra, ovvero il riverbero degli annunci ferroviari, i passi dei pendolari, lo stridio dei binari, il risucchio della metropolitana, luci al fluoro, e, al di là della vetrata, un palcoscenico. Il vetro è abbastanza spesso da lasciar passare solo alcune delle frequenze sonore provenienti dalle banchine. Una volta socchiusa la porta, sembra di entrare in un altro mondo, una bolla ovattata dove si fa del teatro. Lo spazio sonoro è vario, stridente.
L’illuminazione caratteristica della metropolitana ha un’espressività molto diversa dal palcoscenico, che verrà invece disegnato dai nostri proiettori al fine di creare un’atmosfera scenica e un’ulteriore differenziazione rispetto agli altri luoghi."

ZeLIG - School for documentary

Presentazione del progetto ed incontro con il pubblico.

30.05 2022
18:30
Bolzano Teatro Cristallo

È TORNATA LA NOSTRA RASSEGNA ESTIVA!

Scarica e consulta il programma di FUORI!22 direttamente dal tuo cellulare o dal tuo PC.

 

PROGRAMMA

Teatro Stabile di Bolzano
Piazza Verdi, 40
Bolzano 39100
Tel. 0471 301566
Fax 0471 327525

info@teatro-bolzano.it
teatrostabilebolzano@pec.it
P.IVA: 00143620219

Soci fondatori
Partner