Cartella stampa 2021/2022

 

PER GLI ABBONATI DELLO STABILE DI BOLZANO UNA RIDUZIONE SPECIALE SUI BIGLIETTI DELLO SPETTACOLO DI BOB WILSON “I WAS SITTING ON MY PATIO THIS GUY APPEARED I THOUGHT I WAS HALLUCINATING” IN SCENA DALL’11 AL 14 NOVEMBRE AL GOLDONI DI VENEZIA.

Nell’ottica della collaborazione tra istituzioni teatrali gli abbonati bolzanini hanno diritto una riduzione speciale sul prezzo del biglietto dello spettacolo di Robert Wilson e Lucinda Childs. L’opera del geniale artista statunitense rivive in prima nazionale a Venezia in un evento speciale.

La nuova edizione di “I was sitting on my patio this guy appeared I thought I was hallucinating” spettacolo di Robert Wilson e Lucinda Childs, rivive in prima nazionale al Teatro Goldoni di Venezia dall’11 al 14 novembre. A dare nuova linfa all’opera di Wilson che debuttò nel 1977 sono due straordinari interpreti come Christopher Nell (Berliner Ensemble) e Julie Shanahan (Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch). Un evento speciale a cui gli abbonati del Teatro Stabile di Bolzano possono partecipare con una riduzione speciale sul prezzo del biglietto. Per gli abbonati TSB i posti in platea costeranno €34 (invece di €45); i biglietti per il 1°, 2° ord. €29 (al posto di €39), quelli di terzo ordine €19 (al posto di €28), quelli di quarto ordine €13 (al posto di €20).
Per poter usufruire dello sconto gli abbonati TSB possono scrivere alla mail This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. per prenotare i posti che poi acquisteranno direttamente in teatro la sera dello spettacolo.
Da numerose stagioni il TSB e Il Teatro Stabile del Veneto hanno consolidato una collaborazione artistica sia progettuale sia produttiva che ha dato vita a numerosi spettacoli di successo: da “Romeo e Giulietta. Una Canzone d’amore” di Babilonia Teatri con Paola Gassman e Ugo Pagliai, a “Eichmann. Dove inizia la notte” di Stefano Massini con Ottavia Piccolo e Paolo Pierobon, passando per “L’Amleto” di e con Paolo Rossi. In quest’ottica di consolidamento di partnership lo Stabile del Veneto offre agli abbonati del TSB una riduzione particolare per assistere allo spettacolo di Bob Wilson, maestro indiscusso del teatro contemporaneo.
“I was sitting on my patio” è un monologo costituito da un flusso casuale di associazioni di idee che si riversa sui confini di un nudo set in bianco e nero, accompagnato da movimenti spigolosi che diventano sempre più febbrili. Ciò che colpisce dell’opera è il suo minimalismo clinico e l’austerità che si crea attraverso il prisma delle sue contraddizioni. In questo zapping verbale in realtà non succede nulla, tutto accade e poi accade di nuovo nel corpo di una persona diversa. E, un po’ come in una giostra, continuerà a succedere.
Regista, coreografo, ma anche pittore, scultore, videoartista, designer di suono e luci. Robert Wilson, da tutti conosciuto come Bob Wilson, è un artista a tutto tondo, la cui poetica ha varcato i confini degli Stati Uniti per rivoluzionare il panorama visivo e performativo europeo. Nato in Texas nel 1941, Wilson si impose subito come il regista più originale della nuova generazione. Il suo era un teatro statico e contemplativo, in cui emozione e poesia nascono da una percezione particolare del tempo e delle immagini. Le collaborazioni con Tom Waits, David Byrne, William S. Burroughs, Allen Ginsberg e Philip Glass portarono alla nascita di quelli che vennero riconosciuti come suoi capolavori come “A letter for Queen Victoria” (1974) e soprattutto “Einstein on the beach” (1976) in cui l’interazione con i frammenti musicali di Glass creò spettacoli di ipnotica suggestione.
Negli anni Ottanta e Novanta W. ha messo in scena classici (King Lear, 1990; Hamlet, 1993), autori contemporanei (Hamletmachine di H. Müller, 1986), opere letterarie (Orlando di V. Woolf, 1989 e 1993; I La Galigo, di Sureq Galigo, 2004), commedie musicali (The black rider, 1990). Importanti e innovative le sue regie d'opera (Alceste di Gluck, 1986; Le martyre de saint Sébastien di Debussy-D'Annunzio, 1988; Lohengrin e Parsifal di Wagner, 1991; Madama Butterfly di Puccini, 1993; Il castello del principe Barbablù di Bartók, 1995). Tra i suoi lavori più recenti occorre citare la Lulu di F. Vedekind (2012) e Hamletmachine di H. Müller (2017), presentati entrambi al Festival dei Due Mondi di Spoleto.

La App del Teatro Stabile di Bolzano è il modo più immediato per rimanere aggiornati su tutti
gli spettacoli in programma in tutta la provincia.

Scarica l'applicazione ufficiale sul tuo smartphone da App Store e Google Play e registrati per scoprire
in anteprima alcuni dei titoli che abbiamo pensato per la Stagione 2021/22!

Teatro Stabile di Bolzano
Piazza Verdi, 40
Bolzano 39100
Tel. 0471 30 15 66
Fax 0471 327525

info@teatro-bolzano.it
teatrostabilebolzano@pec.it
P.IVA: 00143620219

Soci fondatori
Partner