Cartella stampa 2020/2021

attesa 450

 

FUORI! ENTRA NEL VIVO CON IL READING DI MICHELA CESCON, ANNA FOGLIETTA E PAOLA MINACCIONI DEL TESTO “L’ATTESA” DI REMO BINOSI. SABATO 22 MAGGIO ALLE 21.00 ALL’ARENA TSB- PRATI DEL TALVERA

La stagione estiva dello Stabile di Bolzano ospita la lettura scenica presentata eslusivamente per il pubblico bolzanino del testo “L’Attesa” di Remo Binosi. Un primo passo verso l’allestimento dello spettacolo che verrà presentato nella prossima stagione del Teatro Cristallo. In caso di maltempo il reading si svolgerà all’Haus der Kultur.

Entra nel vivo FUORI! con l’appuntamento di sabato 22 maggio alle 21.00 all’Arena TSB- Prati del Talvera che vedrà protagoniste tre primedonne dello spettacolo italiano, Anna Foglietta, Michela Cescon e Paola Minaccioni. Le tre artiste presenteranno una lettura scenica dello spettacolo “L’Attesa” di Remo Binosi che verrà presentato all’interno della stagione InScena 2021/2022 proposta dal Teatro Cristallo. “L’Attesa” è uno spettacolo diretto da Michela Cescon che nasce dalla coproduzione tra Teatro di Dioniso e Teatro Stabile del Veneto e la collaborazione tra TSB e Teatro Cristallo. Per sottolineare la collaborazione di Bolzano al progetto. la regista insieme alle due attrici, nella loro prima uscita pubblica tutte e tre insieme, racconteranno il lavoro, leggeranno il testo e presenteranno la loro visione.
FUORI! si conferma quindi una vetrina di percorsi artistici e produttivi intrapresi nel corso delle stagioni più recenti e presenta nuove produzioni realizzate ad hoc per interagire in piena sicurezza con il pubblico. La partecipazione a tutti gli eventi è gratuita, previa prenotazione nel rispetto delle disposizioni sanitarie anti-Covid. In caso di maltempo il reading verrà presentato all’Haus der Kultur.
Dopo essersi misurata nella sua prima regia teatrale con la trasposizione scenica dell’ultimo romanzo di Alberto Moravia La donna leopardo, Michela Cescon ha scelto di portare in scena “L’Attesa”, testo che ha fatto conoscere Binosi al grande pubblico, permettendogli di conquistare il «Biglietto d'oro Agis» come migliore novità italiana nel 1994 e che nel 2000 è diventato un film, Rosa e Cornelia, diretto da Giorgio Treves. Ventisei anni dopo, Cescon decide di riproporre la storia di Rosa e Cornelia con due interpreti molto amate dal pubblico: Anna Foglietta e Paola Minaccioni, per la prima volta insieme sul palco per dare corpo e voce alla nobildonna Cornelia e alla serva Rosa.
Il testo di Binosi ha una grande forza drammatica e di coinvolgimento a cui è difficile rimanere indifferenti e - nonostante l'azione sia ambientata nel '700 - i temi e i contenuti sono universali: il rapporto serva-padrona, il doppio, il grande seduttore Casanova, la maternità, il male, la morte; tutto raccontato con cambi di registro narrativo: dalla commedia al dramma, dal noir fino a sfiorare la tragedia. Il linguaggio è originale e sorprendente, con una naturale vis comica che garantisce una presa certa sul pubblico, paragonabile a quella dei testi di Goldoni e di Eduardo.