Cinque mesi di percorso interamente dedicato al teatro, agli incontri con i protagonisti della scena, alla visione di spettacoli della stagione "La Grande Prosa" e alla sperimentazione delle tecniche di base per l'uso espressivo di voce e corpo, giungono a conclusione giovedì 3 aprile alle ore 18.00 al primo piano della sede brissinese della LUB con un'esercitazione che darà la possibilità ai partecipanti, tutti in età compresa tra i 15 e i 35 anni, di trasformare il loro studio in performance teatrale.

GIS Brixen 3.4
Guidato dall'attrice e pedagogista Flora Sarrubbo, il gruppo composto da 10 ragazzi e ragazze ha affrontato nel corso dei mesi il monologo "Novecento" di Alessandro Baricco, usando il testo come una palestra in cui mettersi in gioco, scoprire i linguaggi del corpo e della voce, lavorare su stessi e con gli altri. "Giovani in scena" infatti ha come principale scopo quello di appassionare i giovani al teatro, creare spettatori consapevoli e - visto l'importante coinvolgimento dell'università di Bressanone - valorizzare anche il teatro come strumento pedagogico e didattico.
Giovedì sera il gruppo condividerà con tutti gli interessati i frutti di questo laboratorio con l'intenzione di stimolare anche altre persone a scoprire meglio le potenzialità del teatro. I ragazzi, assieme a Flora Sarrubbo, proporranno alcune citazioni dal celebre monologo di Baricco, mettendosi in gioco in questa ultima prova finale.