ALESSANDRO GASSMANN DIRIGE GIULIO SCARPATI IN "OSCURA IMMENSITA'", NOIR DI MASSIMO CARLOTTO

 

Grande protagonista della scena teatrale, nelle vesti di regista Alessandro Gassmann continua la sua indagine nelle pieghe di un'umanità senza speranza. In "Oscura immensità" spettacolo tratto dal noir di Massimo Carlotto in scena al Teatro Comunale di Bolzano dal 31 gennaio al 3 febbraio (ore 20.30, domenica ore 16.00) nell'ambito della stagione "La Grande Prosa" dello Stabile, Gassmann affronta senza mezzi termini i temi scottanti della giustizia, della vendetta, del perdono e della pena affidando l'interpretazione a due grandi attori come Giulio Scarpati e Claudio Casadio. scarpati casadio MEDIUMGiulio Scarpati, Claudio Casadio

Malato terminale, Raffaele Beggiato, un ergastolano che ha già scontato 15 anni di carcere, vorrebbe passare gli ultimi giorni da uomo libero. Per avere il permesso ha bisogno del perdono dell'uomo cui durante una rapina ha sterminato la famiglia. Mariano Contin però, vive nel rancore e non vuole concederglielo a patto che ...

giulio scarparti claudio casadio mediumGiulio Scarparti, Claudio Casadio

Il delitto, l'impossibilità del perdono e il potere della vittima di influire sulla pena del colpevole, sono i tratti salienti di "Oscura immensità", spettacolo prodotto dal Teatro Stabile del Veneto e da Accademia Perduta Romagna Teatri, che sta riscuotendo consenso di critica e pubblico nel corso del primo anno di tournèe. Riflessioni che acquistano una valenza ancora più profonda se a parlarne è uno scrittore come Carlotto, autore di numerosi best seller come "Arrivederci amore, ciao", protagonista negli anni Settanta di un clamoroso caso giudiziario: accusato di omicidio e assolto in prima istanza per insufficienza di prove, condannato poi a 18 anni nei giudizi successivi, latitante, venne graziato dal presidente Scalfaro.

 

"Oscura immensità non lascia scampo. Alla fine ognuno è costretto a prendere posizione, a non eludere le domande che i due personaggi, Raffaello Beggiato e Silvano Contin, carnefice e vittima, pongono con la forza disarmante dei destini contrapposti e ineluttabili" afferma Carlotto, che ha curato in prima persona l'adattamento teatrale del suo romanzo.

Due sofferenze a confronto, quella della vittima e quella dell'ergastolano: chi sta scontando la pena più dura? Due protagonisti si affrontano, il colpevole e l'offeso: dove si annida il male?

Sulla scena grigia e buia disegnata da Gianluca Amodio e mossa dalle luci di Pasquale Mari e dagli interventi video di Marco Schiavoni, Giulio Scarpati, affermato attore teatrale e televisivo, conosciuto al grande pubblico per la serie tv "Un medico in famiglia" e Claudio Casadio, già interprete del pluripremiato film "L'uomo che verrà" di Giorgio Diritti,  innescano il rapporto esplosivo tra vittima e carnefice in un crescendo di tensione: la terribile "ferocia" del buono che ribolle sotto un magma di dolore finirà per scontrarsi inevitabilmente contro la disperata rassegnazione dell'assassino.

I biglietti per lo spettacolo, acquistabili anche telefonicamente con carta di credito (0471 053800), o via internet (http://www.vipticket.it), sono in vendita alle Casse del Teatro Comunale di Bolzano secondo il seguente orario: dal martedì al venerdì dalle 10.00-13.00 e dalle 15.00-19.00; sabato
dalle 10.00 alle 13.00.

 

 

 

 

 

 

Durata: 80 minuti. Atto unico