"IL NOME DELLA ROSA” DI UMBERTO ECO APRE IL NUOVO ANNO TEATRALE DELLO STABILE. DALL’11 AL 14 GENNAIO AL COMUNALE DI BOLZANO IL COLOSSAL TEATRALE DIRETTO DA LEO MUSCATO

 

Romanzo poliziesco, gothic novel, cronaca medioevale, allegoria e giallo: Il nome della rosa, il capolavoro letterario che fece conoscere Umberto Eco in tutto il mondo, è tutto questo. Ad aprire il nuovo anno teatrale dello Stabile, dall’11 al 14 gennaio al Comunale di Bolzano (gio- sab. h. 2030 ; dom h. 16.00) sarà la prima versione teatrale italiana del capolavoro di Eco nata dalla coproduzione tra il Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale, il  Teatro Stabile di Genova e il Teatro Stabile del Veneto - Teatro Nazionale. Un omaggio al celebre scrittore firmato da Stefano Massini, tra gli autori teatrali più apprezzati in Italia e all’estero. Tradotto in 47 lingue, Il nome della rosa conobbe una celebre versione cinematografica diretta da Jean-Jacques Annaud e interpretata da Sean Connery nei panni del frate Guglielmo di Baskerville.
Regista sensibile ed eclettico, Leo Muscato dirige un vero e proprio colossal intriso di mistero e suspance con un cast di grandi interpreti composto da Eugenio Allegri, Giovanni Anzaldo, Giulio Baraldi, Luigi Diberti, Marco Gobetti, Luca Lazzareschi, Bob Marchese, Daniele Marmi, Mauro Parrinello, Alfonso Postiglione, Arianna Primavera, Franco Ravera e Marco Zannoni in un crossover generazionale capace di rievocare le atmosfere di quello che senza ombra di dubbio è uno dei romanzi più importanti del Novecento. Le scene di Margherita Palli, le luci di Alessandro Verazzi e i video di Fabio Massimo Iaquone e Luca Attilii rievocano le atmosfere tetre del monastero benedettino in cui è ambientato il giallo, mentre i costumi di Silvia Aymonino e le musiche di Daniele D’Angelo immergono gli spettatori nel pieno medioevo.


«Dietro ad un racconto avvincente e trascinante, il romanzo di Umberto Eco nasconde una storia dagli infiniti livelli di lettura, un incrocio di segni dove ognuno ne nasconde un altro. La struttura stessa del romanzo è di forte matrice teatrale» commenta il regista Leo Muscato. «La scena si apre sul finire del XIV secolo. Un vecchio frate benedettino, Adso da Melk, è intento a scrivere delle memorie in cui narra alcuni terribili avvenimenti di cui è stato testimone in gioventù. Nel nostro spettacolo, questo io narrante diventa una figura sempre presente in scena, in stretta relazione con i fatti che lui stesso racconta, accaduti molti anni prima in un’abbazia dell’Italia settentrionale. Sotto i suoi (e i nostri) occhi si materializza un se stesso giovane, poco più che adolescente, intento a seguire gli insegnamenti di un dotto frate francescano, che nel passato era stato anche inquisitore: Guglielmo da Baskerville. Siamo nel momento culminante della lotta tra Chiesa e Impero, che travaglia l’Europa da diversi secoli e Guglielmo da Baskerville è stato chiamato per compiere una missione, il cui fine ultimo sembra ignoto anche a lui. Su uno sfondo storico-politico-teologico, si dipana un racconto dal ritmo serrato in cui l’azione principale sembra essere la risoluzione di un giallo».
I biglietti per lo spettacolo sono acquistabili alle Casse del Teatro Comunale di Bolzano aperte dal martedì al venerdì dalle 11 alle 14 e dalle 17 alle 19, il sabato dalle 11 alle 14 e i giorni di spettacolo a partire da un’ora prima dell’inizio della rappresentazione. On-line sul questo sito

 

guarda il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=J5aDl0KHwcQ

 

 

Sottosopra il teatro: venerdì 6 ottobre alle 18.00 Roberto Cavosi svela il "Dietro le Quinte" di Wordbox Arena - Lo spettacolo lo decidi tu

 

A chiunque sia interessato a conoscere i retroscena dello spettacolo Wordbox Arena - Lo spettacolo lo decidi tu, in scena fino al 22 ottobre, lo Stabile offre una una possibilità rara ed emozionante pdi sbirciare dietro le quinte e vedere come è nato lo spettacolo, venerdì 6 ottobre alle 18.00, il regista Roberto Cavosi svelerà le riflessioni che hanno costituito le premesse del progetto, le difficoltà incontrate durante la sua preparazione, il perché delle scelte artistiche. Calpestando la scena i partecipanti potranno vedere da dentro l’identità di questo progetto inedito. La partecipazione all'appuntamento "Dietro le Quinte" proposto nell'ambito dell'iniziativa Sottosopra il teatro, ha il costo di Euro 8 ed include il biglietto per lo spettacolo che si tiene alle 20.30. Le iscrizioni si effettuano online su questo sito nella sezione formazione.


guarda le foto del backstage di Monica Condini

-MoniQue-foto-wa002
-MoniQue-foto-wa016
-MoniQue-foto-wa018
-MoniQue-foto-wa017
-MoniQue-foto-wa034
-MoniQue-foto-wa048
-MoniQue-foto-wa088
-MoniQue-foto-wa005
-MoniQue-foto-wa010
-MoniQue-foto-wa090

 

 

 

 

COMPAGNIA REGIONALE 2017: ECCO GLI ATTORI SCELTI PER LA NUOVA PRODUZIONE SCRITTA E DIRETTA DA PARAVIDINO


Dopo una settimana di audizioni e una seconda di laboratorio, Fausto Paravidino ha selezionato le attrici e gli attori candidatisi al bando che faranno parte della “Compagnia Regionale” 2017 chiamata a interpretare il suo nuovo spettacolo “Il senso della vita di Emma”. Iniziativa triennale del Teatro Stabile di Bolzano, del Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento e del Coordinamento Teatrale Trentino, la Compagnia Regionale è volta a valorizzare e perfezionare le risorse artistiche del Trentino-Alto Adige. Dopo il felice esordio nella stagione 2016/2017, la seconda edizione del progetto prosegue in occasione della produzione dello spettacolo “Il senso della vita di Emma” scritto, diretto e interpretato da Fausto Paravidino. Il testo è un romanzo teatrale di una famiglia, che va dagli anni Sessanta - quando i genitori di Emma, ragazza misteriosamente scomparsa, si incontrano alla fiera - fino ai giorni nostri. È una storia ambientata in un piccolo paese molto affollato. Parla in maniera graffiante, ironica e profonda di arte, politica, terrorismo, relazioni, ecologia, scelte. Tra i 106 attori nati o residenti in Trentino Alto Adige che sono stati ammessi alle audizioni, Paravidino ne ha scelti otto: Gianluca Bazzoli, Giuliano Comin, Giacomo Dossi, Marianna Folli, Veronika Lochmann, Sara Rosa Losilla, Emilia Piz e Maria Giulia Scarcella.
Le prove inizieranno il giorno lunedì 25 settembre e termineranno lunedì 30 ottobre 2017. La data di debutto dello spettacolo in prima nazionale sarà il giorno martedì 31 ottobre 2017 al Teatro Cuminetti di Trento e le recite proseguiranno a Trento, Bolzano, nei teatri del Trentino - Alto Adige e da questa edizione anche sul territorio nazionale, a ulteriore conferma dell’alta qualità del progetto teatrale.

Iniziano mercoledì 15 aprile le prove di “Soap Opera”, il nuovo testo di Cesare Lievi che debutterà in prima assoluta il 7 maggio come ultima produzione del Teatro Stabile per la stagione 2014/2015. Lo spettacolo, prodotto in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione, vede protagonista assoluta Galatea Ranzi, chiamata a vestire gli eleganti panni di un’ereditiera milionaria, vedova del grande Presidente, l’uomo su cui la nazione aveva riposto le speranze del futuro.

 

...continua

Dopo le tappe di Vipiteno e Brunico, Prigioniero della Seconda strada, commedia di Neil Simon interpretata da Maurizio Casagrande e Tosca D’Aquino, giungerà al Teatro Comunale di Bolzano dal 23 al 26 aprile (ore 20.30, domenica ore 16.00).

 

...continua

Eros Pagni e Tullio Solenghi, straordinaria coppia comica che l’anno passato ha fatto divertire gli spettatori con “I ragazzi irresistibili“ di Neil Simon, torna sulle scene altoatesine sempre diretta da Marco Sciaccaluga, per interpretare un altro capolavoro assoluto di comicità, ovvero "Il Tartufo" di Molière. Lo spettacolo sarà presentato nell’ambito della stagione “La Grande Prosa” il 24 marzo al Forum di Bressanone e dal 26 al 29 marzo al Teatro Comunale di Bolzano (ore 20.30, domenica ore 16.00)

 

...continua

L’ultimo appuntamento con Altri Percorsi.bz mercoledì 25 marzo (ore 20.30) si presenta nel segno dell’intreccio tra parole e musica con “Le due vite”, spettacolo di Marcello Fera. Compositore, violinista e direttore d’orchestra, Marcello Fera e l’Ensemble meranese Conductus, di cui è direttore musicale, danno vita a un melologo per attrice e tre strumenti, ovvero una composizione musicale in cui il testo viene rigorosamente integrato nella partitura scritta da Fera ispirandosi alle “Autobiografie della leggera” dello scrittore Danilo Montaldi.

 

...continua

Torna a Bolzano dal 19 al 22 marzo (ore 20.30, domenica ore 16.00) nell’ambito della Stagione “La Grande Prosa” dello Stabile Pippo Delbono, il talento più folle ed esagerato del teatro italiano. “Orchidee” è il titolo del suo nuovo, poetico spettacolo che con il suo lirismo visionario ha saputo conquistare pubblico e critica.

 

...continua

Giunge al Teatro Comunale di Bolzano dal 5 all’8 marzo (h. 20.30, domenica ore 16.00) nell’ambito della stagione “La Grande Prosa” dello Stabile, “Magazzino 18”, il Musical Civile di Simone Cristicchi e Jan Bernas che ha fatto commuovere gli spettatori di tutta l’Italia. Uno spettacolo prodotto da Promo Music e dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

 

...continua

Mercoledì 18 febbraio alle 18.00 negli spazi del Centro Trevi di Bolzano (Via Cappuccini 28) si svolgerà il secondo appuntamento dedicato agli spettacoli teatrali della stagione proposta dallo Stabile di Bolzano che affrontano il tema del conflitto bellico. L’iniziativa di approfondimento di testi e linguaggi teatrali curata e moderata da Alessandra Limetti, si colloca nell’ambito del progetto “Il cerchio dell’arte”, percorso multimediale dedicato alla storia dell’arte promosso dalla Ripartizione cultura della Provincia di Bolzano.
L’incontro, a ingresso libero, introdurrà lo spettacolo “Voci nella tempesta” che verrà presentato venerdì 20 febbraio alle 20.30 nell’ambito della rassegna “Altri Percorsi.bz”.

...continua

La Grande Guerra narrata dalla prospettiva di tre donne è il tema centrale dello spettacolo “Voci nella tempesta”, quarto appuntamento nell’ambito della rassegna “Altri Percorsi.bz”, in scena venerdì 20 febbraio alle 20.30 nel Teatro Studio del Comunale di Bolzano.

 

...continua

Dopo la lunga e fortunata permanenza milanese al Teatro Elfo Puccini e il ritorno bolzanino“I vicini”, l’avvincente thriller scritto e diretto da Fausto Paravidino e interpretato assieme a Iris Fusetti, Davide Lorino, Monica Samassa e Sara Putignano, si appresta a concludere la tournèe con la tappa al Teatro Mascagni di Chiusi (3 marzo) e quella al Teatro Rossetti di Trieste (6-8 marzo).

...continua

Martedì 17 febbraio alle 20.30 sul palco del Teatro Puccini di Merano Leo Gullotta torna ad essere protagonista del cartellone “La Grande Prosa” dello Stabile con “Prima del silenzio”, spettacolo in esclusiva per la stagione meranese.  “Prima del silenzio” è un testo scritto nel 1979 dal carismatico drammaturgo e regista napoletano Giuseppe Patroni Griffi per una stella del palcoscenico come Romolo Valli che rivive ora grazie alla regia di Fabio Grossi.

...continua

Sabato 14 febbraio alle 20.30 la rassegna “Altro Percorsi.bz” presenta un altro spettacolo in prima assoluta: “Gli ultimi giorni di Frank Wedekind”. Lo spettacolo vedrà intrecciarsi la narrazione affidata all’attore sudtirolese Peter Schorn con i brani musicali eseguiti dal gruppo Nachtcafè  che rievocheranno il cabaret tedesco di inizio Novecento.

...continua

La rassegna Altri Percorsi.bz prosegue domenica 8 febbraio alle 20.30 con uno spettacolo che affronta la storia e la complessa eredità lasciata dalla Prima Guerra Mondiale alla nostra terra. "Alto Fragile" è la produzione della compagnia Trento Spettacoli che si è aggiudicata il secondo posto al Premio nuova_scena.tn, promosso dal Centro Servizi Culturali S. Chiara in collaborazione con il Teatro Stabile di Bolzano e il Coordinamento Teatrale Trentino per valorizzare le potenzialità artistiche delle realtà emergenti che operano in Trentino-Alto Adige.

...continua

Giunge nella stagione “La Grande Prosa” dello Stabile da giovedì 5 a domenica 8 febbraio (dal giovedì al sabato alle ore. 20.30; domenica ore 16.00) la commedia  “La scena” scritta e diretta da Cristina Comencini, lo spettacolo di maggior successo della passata stagione, interpretata da due star dalla straordinaria vis comica come Angela Finocchiaro e Maria Amelia Monti.

...continua

“Altri Percorsi.bz”, rassegna del Teatro Stabile di Bolzano dedicata quest’anno alla creatività del nostro territorio, si apre il 30 e il 31 gennaio alle 20.30 nel Teatro Studio del Comunale di Bolzano nel segno della graffiante ironia del gruppo di cabarettisti Cababoz.

...continua

Le creatività teatrali del territorio sono al centro della rassegna dello Stabile di Bolzano “Altri Percorsi” che prenderà il via il 30 gennaio e si concluderà il 25 marzo 2015. Cinque appuntamenti con le realtà più interessanti del nostro territorio per presentare le nuove generazioni di artisti emergenti e le ultime produzioni delle compagnie di teatro contemporaneo di ricerca del Trentino Alto Adige. Il raggio di azione proposto da “Altri Percorsi” rimane, come di consueto, molto ampio: sul palco del Teatro Studio i nuovi testi e linguaggi teatrali si esprimeranno attraverso la musica, il cabaret e la performance.

...continua

Il Teatro Stabile di Bolzano comunica che lo spettacolo “Prigioniero della Seconda Strada” di Neil Simon interpretato da Tosca D’Aquino e Maurizio Casagrande, previsto nell’ambito della stagione “La Grande Prosa” il 27 gennaio a Vipiteno, il 28 a Brunico e dal 29 gennaio all’1 febbraio al Comunale di Bolzano, è stato posticipato a fine aprile per motivi organizzativi indipendenti dallo Stabile bolzanino. La commedia prodotta da La Contrada Teatro Stabile di Trieste andrà in scena quindi martedì 21 aprile al Teatro Comunale di Vipiteno, mercoledì 22 alla Casa Michael Pacher di Brunico e dal 23 al 26 aprile al Teatro Comunale di Bolzano. Nonostante il cambio di data gli abbonati potranno utilizzare i biglietti corrispondenti al titolo, il turno e l’orario dello spettacolo verranno rispettati!

Dopo la tappa bolzanina, The importance of Being Earnest, ovvero L’importanza di chiamarsi Ernesto, capolavoro di Oscar Wilde fa tappa al  Puccini di Merano il 19 gennaio alle 20.30 nell'ambito della stagione "La Grande Prosa" .

...continua

 

A Natale regala l’emozione e il divertimento! Ad ognuno il suo Quartetto, l’abbonamento a quattro ingressi alla stagione del Teatro Stabile che può essere utilizzato per più spettacoli - o più spettatori. Il prezzo di €60 è tra i più invitanti, la scelta tra i vari spettacoli in cartellone è ampia.  Il nuovo anno al Teatro Comunale di Bolzano infatti, sarà popolato dalle star del palcoscenico alle prese con i grandi classici della comicità teatrale e con pièce nuove, che in pochi mesi di tournèe hanno saputo conquistarsi i favori di pubblico e critica.

...continua

Il “Giardino dei Ciliegi”, la più lirica tra le opere di Anton Cechov, sarà il terzo spettacolo proposto dallo Stabile di Bolzano nella stagione “La Grande Prosa”. Un grande classico riletto in chiave mediterranea dal regista Luca De Fusco che debutterà in prima regionale al Teatro Puccini di Merano martedì 9 dicembre alle 20.30 per poi giungere al Comunale di Bolzano da giovedì 11 a domenica 14 (dal giovedì a sabato alle ore 20.30, domenica ore 16.00).

...continua

Mercoledì 26 novembre alle 18.00 negli spazi del Centro Trevi di Bolzano (Via Cappuccini 28) si svolgerà il primo dei due appuntamenti dedicati agli spettacoli teatrali della stagione proposta dallo Stabile di Bolzano che affrontano il tema del conflitto bellico.L’iniziativa di approfondimento di testi e linguaggi teatrali curata e moderata da Alessandra Limetti, si colloca nell’ambito del progetto “Il cerchio dell’arte”, percorso multimediale dedicato alla storia dell’arte promosso dalla Ripartizione cultura della Provincia di Bolzano.

...continua

Raccontare la Grande Guerra senza retorica. E’ quello che fa “Sanguinare inchiostro”, spettacolo scritto e interpretato da Andrea Castelli per il Teatro Stabile di Bolzano, dedicato all’epopea umana di una generazione di giovani soldati che aveva perduto ogni riferimento nel passato e ogni fiducia nel futuro. La regia è di Carmelo Rifici, da sempre molto interessato a portare sulle tavole del palcoscenico le riflessioni sulla Storia, grande o piccola che sia. Prosegue con successo la tournèe regionale che ha portato lo spettacolo a repliche bolzanine, “Sanguinare inchiostro” ha fatto tappa al Teatro Comunale di Pergine l’1 dicembre (ore 20.45), al Forum di Bressanone il 2 (ore 20.30), alla Casa Michael Pacher di Brunico il 3 (ore 20.30), al Teatro Zandonai di Rovereto il 4 (ore 20.45), al Puccini di Merano il 5 (ore 20.30), al Teatro Istituto d’Istruzione Degasperi di Borgo Valsugana il 6 (ore 20.45). 

Le ultime due date dell’intensa tournèe regionale porteranno lo spettacolo interpretato, oltre che da Andrea Castelli, anche da Tindaro Granata, Christian La Rosa, Lucia Marinsalta, Emiliano Masala, Enrico Pittaluga e Francesca Porrini, al Teatro Sartori di Ala  il 7 dicembre (ore 21.00), al Palazzo dei Congressi di Riva del Garda il 9 dicembre (ore 20.30) e al Teatro Comunale di Tesero il 10 (ore 21.00).

 

...continua

Continua fino al 9 novembre presso le casse del Teatro Comunale di Bolzano la vendita dei nuovi abbonamenti ai dieci spettacoli di cui si compone la stagione "La Grande Prosa" dello Stabile che inaugurerà il prossimo 6 novembre con “La vita che ti diedi” una tragedia di Luigi Pirandello, mai messa in scena a Bolzano interpretata da Patrizia Milani e Carlo Simoni per la regia di Marco Bernardi.

...continua

Primi giorni di prove a tavolino nella sala danza del Comunale di Bolzano anche per “Sanguinare inchiostro”, la seconda produzione del Teatro Stabile di Bolzano, nata in collaborazione con il Centro Santa Chiara, che inaugurerà la stagione di prosa di Trento il 6 novembre e giungerà a Bolzano e in provincia a partire dal 13 novembre. “Sanguinare inchiostro, Cronache dalla grande guerra” è un testo scritto da Andrea Castelli, interprete del ruolo principale che  ripercorre la perversa follia della Grande Guerra, di quel conflitto che ha cambiato il XX secolo segnando la storia europea in modo indelebile.

 

...continua

 

Incontri con i protagonisti della scena, visione degli spettacoli della stagione dello Stabile e laboratori per esercitare le tecniche di base dell’uso della voce e del corpo: questi sono gli elementi che rendono vincente la formula di "Giovani in scena", progetto di avvicinamento al teatro che il Teatro Stabile di Bolzano e il Dipartimento alla Cultura italiana della Provincia dedicano alle nuove generazioni a Bressanone.

...continua

La nuova stagione dello Stabile è ai nastri di partenza: a fine settembre infatti, inizia la lunga preparazione degli spettacoli che inaugurano l’anno teatrale. Sono iniziate questo pomeriggio le prove de “La vita che ti diedi”,  tragedia di Luigi Pirandello che debutterà il 6 novembre al Teatro Comunale di Bolzano e che aprirà anche le stagioni di Bressanone, Brunico e Merano.

...continua

Il direttore del Teatro Stabile Marco Bernardi presenta la sessantacinquesima stagione del Teatro Stabile di Bolzano.

 

I linguaggi scenici delle nuove generazioni, il punto di vista delle compagnie più interessanti del nostro territorio: questa è l’essenza della rassegna “Altri Percorsi.bz” che prenderà il via a fine gennaio 2015. «Ho pensato di dedicare questa ultima rassegna “Altri Percorsi” alle creatività teatrali della nostra terra, di offrire uno spazio alle nuove generazioni di artisti emergenti che non sempre hanno una casa dove mostrare i risultati raggiunti » afferma Marco Bernardi.

Una vera e propria festa del teatro della nostra terra, declinata in generi e tipologie espressive differenti con la quale lo Stabile bolzanino riafferma il suo forte radicamento sul territorio, la volontà di mostrare la linfa vitale delle nuove generazioni al suo pubblico, sempre più vasto.

...continua

 

La sesta edizione del Corso “Giovani in scena” di Bolzano, iprogetto di avvicinamento al teatro dedicato alle nuove generazioni, promosso dal Teatro Stabile e dal Dipartimento alla cultura italiana della provincia, si concluderà venerdì 30 e sabato 31 maggio alle 20.30 con un saggio aperto al pubblico nel Teatro Studio del Comunale di Bolzano.

...continua

A chiudere la rassegna “Altri Percorsi” mercoledì 16 aprile alle ore 20.30 al Teatro Comunale di Bolzano non poteva essere che la compagnia Teatro Sotterraneo, composta dai discoli del teatro italiano, ovvero Sara Bonaventura, Claudio Cirri e Daniele Villa. Sul palco del Teatro Studio il gruppo toscano presenterà “BE NORMAL!”, seconda tappa del progetto “Daimon”.

...continua

Il Teatro Stabile di Bolzano cerca un/una collaboratore/collaboratrice per la gestione dei servizi amministrativi del Teatro Stesso. Si tratta di un contratto di assunzione a tempo indeterminato, con un periodo di prova di sei mesi, a partire dall'1 ottobre 2014. Livello 1° della classificazione del personale, secondo il Contratto collettivo nazionale di lavoro per gli impiegati e gli operai dipendenti dai Teatri Stabili. Lauree in Economia e amministrazione delle imprese, Economia e gestione aziendale, Economia e commercio, Ingegneria gestionale, Giurisprudenza, possono costituire titolo di merito per il conseguimento dell'incarico.
I candidati interessati sono pregati di inviare i relativi Curriculum Vitae entro e non oltre il 18 maggio 2014 al seguente indirizzo di posta elettronica: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

Con la bella stagione inizia il periodo dedicato alle esercitazioni e ai saggi dei corsi che si sono svolti durante l'autunno e l'inverno. E' il caso del corso di teatro "Giovani in scena" di Bressanone, organizzato dal Teatro Stabile di Bolzano e dal Dipartimento alla Cultura italiana della Provincia Autonoma di Bolzano in collaborazione con il Centro Giovani "Connection".

...continua

Il Teatro Stabile di Bolzano promuove una selezione pubblica per il ruolo di Direttore/Direttrice, tra persone altamente qualificate per l’esperienza acquisita nell’ambito delle attività culturali e teatrali o dell’organizzazione teatrale. E’ richiesta una buona conoscenza del territorio del Trentino Alto Adige e delle sue realtà culturali e teatrali.
Spetta al Direttore/Direttrice la direzione artistica e tecnico-amministrativa del Teatro Stabile di Bolzano, la predisposizione del programma artistico e finanziario e la sovraintendenza alla gestione del Teatro stesso.
La nomina è di competenza del Consiglio di Amministrazione. I curricula dei candidati saranno vagliati da apposita Commissione esaminatrice.
Il contratto avrà la durata di tre anni a partire dal 18 giugno 2015 ed è rinnovabile. E’ richiesta la disponibilità per un progressivo affiancamento con il Direttore attualmente in carica a partire dall’1 gennaio 2015.
I candidati interessati sono pregati di inviare il proprio Curriculum Vitae entro e non oltre sabato 10 maggio 2014 al seguente indirizzo di posta elettronica: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

Dal 10 al 13 aprile (dal giovedì al sabato alle 20.30, domenica ore 16.00) Massimo Popolizio torna a essere protagonista della stagione dello Stabile dopo anni di assenza dalle scene bolzanine per interpretare John Gabriel Borkman, dramma quanto mai attuale scritto da Henrik Ibsen nel 1896, prodotto dalla Compagnia Artisti Riuniti di Roma. 

...continua

Dopo la fortunata tournèe della passata stagione, conclusasi con il grande successo delle recite al Piccolo Teatro di Milano, torna sulle scene sabato 5 (ore 20.30) e domenica 6 aprile (ore 16.00) al Teatro di Gries “La Rosa Bianca” di Lillian Groag, produzione del Teatro Stabile di Bolzano diretta da Carmelo Rifici e interpretata, tra gli altri, da Andrea Castelli e Irene Villa.

 

...continua

Rapisce, aggredisce, spiega. Fa viaggiare in un mondo che non c’è più. Indigna e commuove. Articolato e profondo, “Pantani” scritto e diretto da Marco Martinelli, fondatore della compagnia ravennate Teatro delle Albe, andrà in scena da giovedì 27 a domenica 30 marzo (ore 20.30, domenica ore 16.00) al Teatro Comunale di Bolzano nell’ambito della stagione “La Grande Prosa” dello Stabile.

 

...continua

Allo spettacolo “ITIS Galileo” di Marco Paolini, celebre cantastorie capace come pochi altri di tenere il palcoscenico e di calamitare l’attenzione della platea, è dedicato il terzo e ultimo appuntamento con la rassegna “Theatrum Philosophicum”, promossa dallo Stabile in collaborazione con il Dipartimento cultura italiana della Provincia.

Premiato pubblico e critica, il monologo affronta la figura rivoluzionaria di Galileo Galilei, il primo scienziato dell’epoca moderna. Venerdì 28 febbraio alle 17.30 negli spazi del Centro Trevi di via Cappuccini 28 a Bolzano, Marco Paolini presenterà lo spettacolo assieme a Stefano Gattei, docente in numerose Università italiane e consulente scientifico di “ITIS Galileo” in un dialogo aperto con il pubblico, che verrà moderato da Michele Flaim dell’Università di Trento. Ingresso libero.

 

Eros Pagni e Tullio Solenghi: due mattatori della scena formano l’inedita quanto irresistibile coppia protagonista della commedia “I ragazzi irresistibili” di Neil Simon in scena e al Teatro Comunale di Bolzano dal 13 al 16 marzo alle 20.30 (domenica ore 16.00) e al Teatro Puccini di Merano lunedì 17 marzo alle 20.30 nell’ambito della stagione “La Grande Prosa” dello Stabile.

...continua

 

Ultima tappa lunedì 17 marzo alle 20.30 al Puccini di Merano per “I ragazzi irresistibili” esilarante commedia di Neil Simon interpretata da due mattatori della scena come Eros Pagni e Tullio Solenghi diretti da Marco Sciaccaluga, a ricalcare i ruoli che furono di Walter Matthau e Woody Allen. Willie Clark e Al Lewis sono una coppia di grandi comici in pensione che decide di riunirsi dopo anni di lontananza dal mondo dello spettacolo per riproporre il loro sketch più celebre davanti all’occhio indiscreto della telecamera. La “reunion” però non si rivelerà una passeggiata: molti saranno gli ostacoli da superare, inaspriti dallo scorrere degli anni e dagli acciacchi dell’età…
Due grandi mattatori del palcoscenico, per la prima volta insieme, per dare anima e corpo alla strepitosa commedia del grande commediografo americano.
La prevendita dei biglietti per la replica di Merano si svolge in tutte le librerie Athesia della provincia e presso il circuito Athesia Ticket e online sul sito www.showtime-ticket.com. Il giorno dello spettacolo sono acquistabili a partire dalle 17.00 presso la Cassa del Teatro Puccini di Merano.
www.teatro-bolzano.it

 

 

 

 

“L. I. Lingua Imperii” è il titolo del terzo appuntamento della rassegna “Altri Percorsi” proposto mercoledì 12 marzo alle 20.30 dalla compagnia teatrale Anagoor di Castelfranco Veneto.
Già presenti nel 2012 nell’ambito della stessa rassegna con lo spettacolo “Tempesta”, dedicato al misterioso quadro del loro conterraneo Giorgione, gli Anagoor mescolano sapientemente i linguaggi della nostra quotidianità in un intarsio continuo di frammenti verbali, visivi e sonori, coniugandoli alla rielaborazione di archetipi e dei miti della nostra classicità.

...continua

 

A e B sono una coppia, ma c’è qualcosa che non funziona più. Questione di affari interni, tra il professore universitario e sua moglie. Parlano tra loro e con il pubblico, per capire quali siano i motivi della crisi che si rivelano molteplici: la politica, i figli, il non averli, il sesso, la gelosia e persino una storia di calzini. La loro storia non sembra avere più sbocchi e vanno alla ricerca di se stessi fuori casa. Oramai è questione di affari esteri. Inutile dire che fuori dal nido si imbatteranno in altri personaggi: C, una giovane studentessa universitaria e D, un altro uomo, destinato molto probabilmente ad essere il trait d’union dei loro destini. 

...continua

Marco Paolini torna sulle scene bolzanine dal 27 febbraio al 2 marzo (ore 20.30, domenica ore 16.00) nella stagione “La Grande Prosa” dello Stabile di Bolzano con “ITIS Galileo”, spettacolo che vanta una trionfale tournèe durata due stagioni e una prima serata televisiva premiata dagli ascolti.
Scritto assieme a Francesco Niccolini, “ITIS Galileo” è lo spettacolo in cui Paolini, cantastorie capace come pochi altri di tenere il palcoscenico e di calamitare l’attenzione della platea, affronta la figura rivoluzionaria di Galileo Galilei, il primo scienziato dell’epoca moderna.

 

 

...continua

La rassegna "Altri Percorsi " prosegue sabato 15 febbraio alle 20.30 con "NIP_ not important person", spettacolo vincitore del Premio nuova_scena.tn promosso dal CSC – Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento e dal Teatro Stabile di Bolzano che ha scelto il progetto prodotto dalla compagnia Macelleria Ettore, premiandolo per l'originalità della messa in scena, la qualità e l'efficacia della drammaturgia e dell'interpretazione.

...continua

I linguaggi scenici delle nuove generazioni, il punto di vista delle compagnie più interessanti del panorama nazionale sulla nostra contemporaneità, sono i temi trattati dalla rassegna "Altri Percorsi" promossa dallo Stabile di Bolzano e organizzata quest'anno in collaborazione con Fies Factory e CSC – Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento.

L’inaugurazione della stagione, mercoledì 12 febbraio alle 20.30 in Teatro Studio, è affidata alla compagnia toscano-altoatesina Codice Ivan, composta da Benno Steinegger, Anna Destefanis e Leonardo Mazzi. Interrogativi scomodi, quelli che si pone il collettivo teatrale, già presente nella rassegna Altri Percorsi nel 2011. In “Muori” (Liberamente ispirato al Requiem di Mozart), Codice Ivan  non indaga la morte in sé, ma il decadere di ciò che forma l’identità, lo scorrere del tempo e l’abbandono.

...continua

 

"Altri Percorsi" è una finestra aperta sul teatro contemporaneo di ricerca, una rassegna che da dodici anni offre allo spettatore il valore dell’incontro con i nuovi linguaggi, con i giovani artisti e con tutte le possibili contaminazioni, ospitando quanto di meglio si produce in Italia in questo ambito.
Quest’anno presentiamo, in collaborazione con Fies Factory e Centro S.Chiara, quattro spettacoli concepiti da alcuni dei più interessanti gruppi under 35 della scena nazionale: Codice Ivan, Anagoor, Teatro Sotterraneo e Macelleria Ettore.

...continua

I linguaggi scenici delle nuove generazioni, il punto di vista delle compagnie più interessanti del panorama nazionale sulla nostra contemporaneità: questa è l’essenza della rassegna “Altri Percorsi” promossa dallo Stabile di Bolzano e organizzata quest’anno in collaborazione con Fies Factory e CSC – Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento. Uno dei più significativi incubatori d’innovazione delle arti teatrali d’Italia, nato dal Festival Drodesera e l’istituzione trentina con cui lo Stabile di Bolzano ha avviato da più di un biennio una stretta collaborazione anche in termini di promozione e sostegno delle nuove realtà della scena locale e nazionale, presenteranno dal 12 febbraio al 16 aprile nella Sala Studio del Teatro Comunale di Bolzano quattro appuntamenti con il teatro di ricerca under 35. Codice Ivan, Anagoor, Teatro Sotterraneo e Macelleria Ettore saranno i gruppi teatrali protagonisti della rassegna.

...continua

La temerarietà, il coraggio, l’inventiva di Giancarlo Godio, leggendario chef del ristorante la “Genziana” in Val d’Ultimo, primo in regione a conquistare una stella Michelin e probabilmente primo in assoluto a ricevere l’ambitissimo riconoscimento per un locale a 2000 metri di altitudine, rivivono nel toccante monologo “Chilometro zero”, presentato in esclusiva a Merano nell’ambito della stagione “La Grande Prosa” dello Stabile, martedì 11 febbraio alle 20.30 al Teatro Puccini.

...continua

Un aperitivo per conoscere da vicino protagonisti, organizzatori e produttori della rassegna "Altri Percorsi" promossa dal Teatro Stabile di Bolzano e realizzata quest'anno in collaborazione con l'officina creativa Fies Factory e il CSC-Centro Culturali Santa Chiara.

...continua

Allo spettacolo “Il Teatrante”, testo graffiante scritto nel 1985 dal grande romanziere e drammaturgo austriaco Thomas Bernhard, è dedicato il secondo appuntamento dell’iniziativa “Theatrum Philosophicum”, organizzata dal Dipartimento alla cultura italiana della Provincia in collaborazione con il Teatro Stabile di Bolzano.

...continua

Con la messinscena del "Teatrante", testo graffiante scritto nel 1985 dal grande romanziere e drammaturgo austriaco Thomas Bernhard, Franco Branciaroli torna al Teatro Comunale di Bolzano nella stagione "La Grande Prosa" dello Stabile da giovedì 23 a domenica 26 gennaio (ore 20.30, domenica ore 16.00) per continuare la sua riflessione sul mondo del teatro e sul suo rapporto con la società attraverso la memoria che ne è l'elemento fondamentale.

...continua

Ecco il bando della seconda edizione del Premio nuova_scena.tn, indetto dal Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento, in collaborazione con il Teatro Stabile di Bolzano e il Coordinamento Teatrale Trentino. Le Compagnie interessate dovranno presentare la domanda di partecipazione entro il 31 gennaio 2014.

I contenuti del bando di concorso sono stati illustrati martedì 17 dicembre a Trento nel corso di una conferenza stampa dal presidente e dal direttore del CSC, Ivo Gabrielli e Francesco Nardelli, e dal direttore del Teatro Stabile di Bolzano, Marco Bernardi. Sono intervenuti all'incontro con i giornalisti il dirigente del Servizio Cultura della Provincia, Claudio Martinelli e, in rappresentanza dal Coordinamento Teatrale Trentino, Carmine Ragozzino.

...continua

Surreale, espressionista, originale e profondamente radicato nella nostra realtà: dopo essersi a lungo confrontato con testi contemporanei, da La parola ai giurati di Reginald Rose a Un’oscura immensità di Massimo Carlotto, passando per Roman e il suo cucciolo di Reinaldo Povod, Alessandro Gassmann porta in scena per la prima volta Riccardo Terzo di William Shakespeare, riletto grazie alla versione disincantata e alla scrittura tagliente di un autore come Vitaliano Trevisan che ha curato la traduzione e l’adattamento teatrale del testo.

...continua

Dopo il successo delle repliche bolzanine, “L’Officina – Storia di una famiglia”, spettacolo scritto da Angela Demattè e interpretato da Andrea Castelli e dalla stessa autrice, verrà presentato dal 2 al 5 dicembre nelle stagioni della “Grande Prosa” proposte dallo Stabile a Vipiteno, Merano, Brunico e Bressanone. 

...continua

Scade il 14 ottobre il termine per iscriversi alla nuova edizione del corso “Giovani in scena”, il progetto di avvicinamento al teatro dedicato ai giovani, organizzato dal Teatro Stabile e dal Dipartimento alla cultura italiana della provincia in collaborazione con il Centro Giovani  “Vintola 18”, che si svolgerà a Bolzano dal 21 ottobre 2013 al 31 maggio 2014 accompagnando il cartellone della “Grande Prosa” dello Stabile di Bolzano.

...continua




L’anno scolastico 2013/2014 segna la 25º edizione di W il teatro! Una tappa significativa per un progetto fondamentale che vede il teatro e la scuola gemellati per un obiettivo comune che è quello di preparare gli studenti a diventare pubblico attento e attivo.
Un percorso che si è consolidato nel tempo e che è diventato un elemento essenziale nel progetto formativo in tutte le scuole di ogni ordine e grado. La scelta degli spettacoli è da sempre molto accurata per favorire la migliore fruizione da parte di tutte le fasce d’età.

...continua

Incontri con i protagonisti della scena, visione degli spettacoli della stagione dello Stabile e laboratori per esercitare le tecniche di base dell’uso della voce e del corpo: questi sono gli elementi che rendono vincente la formula di “Giovani in scena”, progetto di avvicinamento al teatro che lo Stabile di Bolzano e il Dipartimento alla Cultura italiana della Provincia dedicano alle nuove generazioni a Bolzano e Bressanone.

...continua


Da sempre attento ai giovani grazie a iniziative dedicate alla loro formazione e ai prezzi molto invitanti sia per gli abbonamenti sia per i singoli biglietti che partono da € 6 e non superano i € 12, da quest’anno lo Stabile di Bolzano mira a incrementare ulteriormente la loro presenza lungo tutta la stagione grazie a un’iniziativa rivolta esclusivamente a loro: un secondo abbonamento in omaggio per tutti gli under 26 e gli under 20 che sottoscriveranno un abbonamento alla stagione “La Grande Prosa “ a Bolzano, Merano, Bressanone, Brunico e Vipiteno.

 

www.teatro-bolzano.it

 


La sessantaquattresima stagione del Teatro Stabile di Bolzano conferma la vocazione della prestigiosa istituzione bolzanina a riscoprire i grandi classici e a proporre al pubblico gli autori più significativi della nuova drammaturgia italiana nell’ambito della stagione “La Grande Prosa” e in quella dedicata agli “Altri Percorsi”. 

...continua

La sessantaquattresima stagione del Teatro Stabile di Bolzano si apre con una piéce che rappresenta un ideale ponte culturale tra tradizione teatrale italiana e tedesca, ovvero La brocca rotta di Heinrich von Kleist. Quella che senza alcun dubbio si può definire la più bella commedia del teatro tedesco sarà diretta da Marco Bernardi e interpretata dallo stesso cast che ha portato al successo Il malato immaginario: Paolo Bonacelli, Patrizia Milani e Carlo Simoni.

...continua

Al Teatro Stabile di Bolzano un nuovo riconoscimento nazionale: si è svolta il 5 settembre al Teatro San Carlo di Napoli la consegna dei premi “Le Maschere del Teatro Italiano” organizzato dal Napoli Teatro Festival Italia in collaborazione con l'Agis (Associazione generale dello spettacolo) che ha visto Sara Bertelà vincere il premio come “miglior attrice protagonista” nella commedia “Exit”, scritta e diretta da Fausto Paravidino e presentata in prima assoluta dallo Stabile a conclusione della stagione 2011/ 2012.

...continua

Giovedì 20 giugno 2013 nella sede dell'AGIS di Roma, il consiglio direttivo della Fondazione P.L.A.TEA, la Fondazione per l'Arte Teatrale che rappresenta i 17 Teatri Stabili italiani a iniziativa pubblica, ha votato all'unanimità il nuovo Ufficio di Presidenza. Marco Bernardi, direttore del Teatro Stabile di Bolzano è stato nominato presidente, affiancato da Pietro Valenti, direttore della Fondazione Emilia Romagna Teatro, nel ruolo di vicepresidente. 

...continua

 

Un nuovo riconoscimento a uno dei protagonisti principali della stagione dello Stabile di Bolzano si aggiunge al già ricco palmares collezionato nel corso degli anni dall’istituzione teatrale. Fausto Paravidino ha vinto la 23˚edizione del Premio Hystrio per la drammaturgia: un riconoscimento conferitogli per la sua attività di autore stimato e riconosciuto in Italia e all’estero.

...continua

Sacrificio,  spettacolo scritto dal romanziere Giacomo Sartori e portato in scena grazie alla collaborazione tra il Centro S. Chiara di Trento e la Compagnia Stradanova, chiude la rassegna Progetto Giovani dello Stabile di Bolzano, con uno spettacolo che tratteggia il profilo di una gioventù rurale in una valle del trentino: ritratto speculare a quello portato in scena dallo Stabile  con Forse tornerai dall'estero di Andrea Montali dedicato allo spaesamento dei giovani in un contesto urbano. Interpretato da 7 giovani talenti scelti sul territorio e da due nomi importanti della scena italiana come Valeria Ciangottini e Pietro Biondi, Sacrificio andrà in scena mercoledì 29 maggio alle 20.30 in Teatro Studio di Bolzano e rappresenta anche l'ultima possibilità per gli abbonati alla Stagione "La Grande Prosa" che non lo avessero ancora fatto, di cambiare i buoni omaggio alla Casse del Teatro Comunale per ricevere i biglietti gratuiti.

L'iniziativa "Progetto Giovani" del Teatro Stabile di Bolzano giunge alla sua tappa conclusiva con Sacrificio, spettacolo tratto dal romanzo di Giacomo Sartori e diretto da Elena Galvani e Jacopo Laurino, che verrà presentato in Teatro Studio mercoledì 29 maggio alle 20.30. Diego, Katia, Frank, Roberto, Anna, Marta, Aldo: un gruppo di ragazzi in una valle secondaria del Trentino sono i protagonisti di questo dramma contemporaneo che Giacomo Sartori, affermato autore che vive e lavora tra Trento e Parigi, ha riscritto per il teatro.

...continua

La quinta edizione del Corso di Teatro "Giovani in scena", il progetto di avvicinamento al teatro dedicato alle nuove generazioni, promosso dal Teatro Stabile e dal Dipartimento alla cultura italiana della provincia, si concluderà venerdì 24 e sabato 25 maggio alle 20.30 con un saggio aperto al pubblico nel Teatro Studio del Comunale di Bolzano.

...continua


Primo giorno di prove per la compagnia di “Forse tornerai dall’estero”, commedia d’esordio nel mondo teatrale di Andrea Montali, giovane scrittore bolzanino che a Bolzano vive e ambienta i suoi racconti. Andrea Castelli, Giulio Baraldi, Gaia Insenga, Silvia Giulia Mendola, Fabrizio Martorelli e Alberto Onofrietti daranno vita alla commedia ambientata nei bar della città, in Piazza Erbe e sui prati del Talvera che debutterà in prima assoluta il 2 maggio (repliche fino al 19) concludendo la stagione “La Grande Prosa”.  A dirigere quest’opera prima sarà Leo Muscato, regista e drammaturgo eclettico e versatile che inaugura con questa produzione la sua collaborazione con lo Stabile bolzanino.

Ogni volta che noi teatranti ci accingiamo a raccontare una storia, ci chiediamo perché raccontarla. A chi? Cosa può aggiungere nella vita di uno spettatore? Cosa può dirgli di nuovo che già non sa, o sente, o capisce? Per fortuna non c’è risposta a queste banalissime domande, perché il teatro è il luogo della sintesi, della follia, dell’evocazione; uno spazio in cui creare condizione perché lo spettatore possa sospendere ogni giudizio e lasciarsi andare con l’immaginazione. È quello che abbiamo cercato di fare anche questa volta. Nulla di ciò che mostriamo è reale, ma tutto speriamo possa essere credibile.

...continua

L’ultima puntata della stagione di “Chi è di scena”, tv magazine del Teatro Stabile in onda su Video33 e Rttr dal 29 aprile all'1 maggio, è dedicata a “Forse tornerai dall’estero”, un testo vivo, a volte surreale e tragicomicamente realistico ambientato a Bolzano, tra i bar di periferia e prati del Talvera e piazza Erbe. Un’opera prima di Andrea Montali, giovane scrittore bolzanino, che il Teatro Stabile mette in scena dal 2 al 19 maggio per la regia di Leo Muscato. Interpretano lo spettacolo Andrea Castelli, Giulio Baraldi, Gaia Insenga, Silvia Giulia Mendola, Fabrizio Martorelli, Alberto Onofrietti.

Interviste, immagini delle prove e del “dietro le quinte” dello spettacolo, in onda su Video33 lunedì 29 aprile ore 21.00 e alle 23.30 e in replica martedì 30 aprile alle 14.30. Sulle frequenze di Rttr “Chi è di scena” verrà trasmesso martedì 30 aprile alle 22.30 e mercoledì 1 maggio alle 11.30 e alle 00.30.

Leo Muscato si è aggiudicato il "Premio della critica musicale Franco Abbiati" 2013,  il più importante riconoscimento attribuito ai protagonisti delle produzioni liriche italiane, per la regia della "Bohème" di Giacomo Puccini. Regista e drammaturgo eclettico e versatile, Muscato è attualmente impegnato a Bolzano nella messa in scena di "Forse tornerai dall'estero", opera prima del giovane scrittore bolzanino Andrea Montali prodotta da Teatro Stabile di Bolzano che debutterà il prossimo 2 maggio al Teatro Comunale (repliche fino al 19 maggio).

...continua

 

Quanti modi ci sono per sorridere? Come si fa a sorridere? Cosa suscitano sorrisi diversi, su volti differenti? Questo sarà il tema dell’esercitazione aperta al pubblico (ingresso gratuito) di martedì 16 aprile che chiuderà la quarta edizione del corso di teatro “Giovani in scena”, organizzato dal Teatro Stabile di Bolzano e dal Dipartimento alla Cultura italiana della Provincia Autonoma di Bolzano in collaborazione con il Centro Giovani “Connection” di Bressanone.

...continua

"Non funzionerà mai qui da noi, è humour inglese". Lo aveva detto il regista Attilio Corsini, fondatore della compagnia Attori&Tecnici di Roma mentre si accingeva ad allestire "Rumori fuori
scena", irresistibile commedia di Michael Frayn. Poi, insieme a Viviana Toniolo, si convinse che si poteva tentare. Era il lontano 1983. Quest'anno "Rumori", come affettuosamente viene chiamato lo spettacolo da chi ne fa parte, festeggerà i 30 anni dal suo debutto italiano.

 

...continua

Alla più celebre storia d’amore di tutti i tempi, a “Romeo e Giulietta”, immortale testo di Shakespeare, sarà dedicato il terzo e ultimo appuntamento della rassegna “Theatrum Philosophicum” venerdì 5 aprile alle 17.30 negli spazi del Centro Trevi (via Cappuccini 28).
Il ciclo di incontri  promossi dal Dipartimento alla cultura italiana della Provincia in collaborazione con il Teatro Stabile di Bolzano, che ha registrato una straordinaria partecipazione di pubblico, si concluderà con la presentazione di un grande classico che rivive fino a domenica 7 aprile al Teatro Comunale di Bolzano grazie alla nuova traduzione e all’adattamento teatrale realizzati a quattro mani da Fausto Paravidino e Valerio Binasco, che ne firma anche la regia. Alessandro Serpieri anglista e professore emerito all’Università di Firenze e Serena Cenni,  docente di Letteratura inglese all’Università di Trento, assieme a Francesco Montanari, Deniz Ozdogan, Filippo Dini e Milvia Marigliano interpreti principali dello spettacolo rispettivamente nei ruoli di Romeo, Giulietta, Padre Lorenzo e della balia di Giulietta, saranno i  protagonisti dell’incontro dedicato al genio letterario e teatrale di Shakespeare.  La conferenza a ingresso gratuito, sarà moderata da Michele Flaim dell’Università di Trento.

Sono le storie vere, tante piccole storie di uomini e donne disperati che vorrebbero arrivare lontano e che invece scompaiono negli abissi del mare le protagoniste dell'ultimo appuntamento della rassegna "Altri Percorsi / Arte della Diversità" nata quest'anno dalla collaborazione tra il Teatro Stabile di Bolzano e il Teatro La Ribalta.  Venerdì 12 aprile alle 20.30 nel Teatro Studio del Comunale di Bolzano andrà in scena "Rumore di acque" spettacolo scritto dagli storici fondatori del "Teatro delle Albe" Marco Martinelli ed Ermanna Montanari, come seconda tappa del trittico "Ravenna-Mazara 2010" che considera la città siciliana come simbolico luogo di frontiera e punto di partenza per un affresco sull'oggi.

 

...continua

“Romeo e Giulietta” di William Shakespeare, la più celebre storia d’amore di tutti i tempi, rivive a Bolzano dal 4 al 7 aprile nella stagione “La Grande Prosa” del Teatro Stabile grazie alla nuova traduzione e all’adattamento teatrale realizzati a quattro mani da Fausto Paravidino e Valerio Binasco, che ne firma anche la regia. Prodotto dal Teatro Eliseo, lo spettacolo ha riscosso un indiscusso successo di pubblico e critica nel corso delle passate stagioni.

...continua

Quarto appuntamento della rassegna “Altri Percorsi / Arte della Diversità” giovedì 28 marzo alle 20.30, quando nella Sala Grande del Teatro Comunale di Bolzano Ascanio Celestini porterà in scena quello che è diventato un suo spettacolo di culto, “La pecora nera”, straordinario affresco fatto di strampalata visionarietà dedicato alla follia.

...continua

Cos’è la conoscenza, come la si acquisisce, su cosa si costruisce un patrimonio culturale? E soprattutto, qual è il valore di un vero maestro? “The History Boys” di Alan Bennett in scena dal 21 al 24 marzo al Teatro Comunale di Bolzano e lunedì 25 marzo al Teatro Puccini di Merano è una commedia capace di affrontare tutti questi interrogativi con l’acutezza, la profondità e la fulminante ironia che da sempre contraddistinguono lo scrittore britannico.

 

...continua

Il protagonista del terzo appuntamento di “Altri Percorsi / Arte della Diversità” sabato 16 marzo alle 20.30 nella Sala Grande del Teatro Comunale di Bolzano, sarà l’autore, attore e regista ligure Pippo Delbono, apprezzato in tutto il mondo per i suoi spettacoli poetici e visionari che portano alla ribalta le persone e la loro umanità in tutte le sfaccettature.

 

 

...continua

"Pinocchio" è il nuovo progetto teatrale della compagnia, che verrà presentato venerdì 22 febbraio alle 20.30 nel Teatro Studio del Comunale di Bolzano, come secondo appuntamento della rassegna "Altri Percorsi / Arte della Diversità". Il delicato tema del risveglio alla vita di coloro che sono usciti dal coma è il tema centrale dello spettacolo, realizzato in stretta
collaborazione con "Gli Amici di Luca", compagnia teatrale costituita da persone con esiti di coma.

...continua

Secondo appuntamento venerdì 8 febbraio alle 17.30 negli spazi del Centro Trevi della rassegna "Theatrum Philosophicum", ciclo di incontri curati da Andrea Felis e promossi dal Dipartimento alla cultura italiana della Provincia in collaborazione con il Teatro Stabile di Bolzano. Italo Svevo e "La coscienza di Zeno" , il romanzo che ha rivoluzionato gli albori del Novecento, saranno i temi di questo nuovo incontro, che avrà come protagonisti Giuseppe Pambieri, interprete dello spettacolo diretto da Maurizio Scaparro in scena nella stagione dello Stabile fino a domenica 10 febbraio, Fabrizio Meroi storico della filosofia all'Università di Trento e Nunzia Palmeri, docente di letteratura italiana contemporanea all'Università di
Bergamo. L'incontro, a ingresso gratuito, sarà moderato da Michele Flaim dell'Università di Trento.

"La coscienza di Zeno", romanzo che ha rivoluzionato la scena letteraria italiana degli albori del Novecento, rivive nella stagione dello Stabile grazie alla regia di Maurizio Scaparro e
l'interpretazione di Giuseppe Pambieri. Fresco di debutto al Teatro Carcano di Milano, lo spettacolo sarà presentato in prima regionale martedì 5 febbraio al Teatro Puccini di Merano, per poi fare tappa alla Haus Michael Pacher di Brunico il 6 febbraio e giungere al Teatro Comunale di Bolzano dal 7 al 10 febbraio (ore 20.30, domenica ore 16.00).

...continua

Grande protagonista della scena teatrale, nelle vesti di regista Alessandro Gassmann continua la sua indagine nelle pieghe di un'umanità senza speranza. In "Oscura immensità" spettacolo tratto dal noir di Massimo Carlotto in scena al Teatro Comunale di Bolzano dal 31 gennaio al 3 febbraio (ore 20.30, domenica ore 16.00) nell'ambito della stagione "La Grande Prosa" dello Stabile, Gassmann affronta senza mezzi termini i temi scottanti della giustizia, della vendetta, del perdono e della pena affidando l'interpretazione a due grandi attori come Giulio Scarpati e Claudio Casadio.

...continua

"Italianesi", ovvero "italiani" in Albania, "albanesi" in Italia. E' uno dei monologhi di maggior successo della passata stagione, scritto e interpretato da Saverio La Ruina ad aprire la rassegna "Altri Percorsi / Arte della Diversità" mercoledì 30 gennaio alle 20.30 nel Teatro Studio del Comunale di Bolzano.

...continua

La diversità e l’alterità sono le linee guida della nuova stagione “Altri Percorsi”, finestra aperta sul teatro contemporaneo di ricerca, che quest’anno nasce dalla collaborazione tra il Teatro Stabile di Bolzano e il Teatro La Ribalta, promotore della rassegna “Arte della Diversità.

...continua

 

Sarà  La scuola delle mogli, una delle commedie di maggior successo di Molière, ad aprire il nuovo anno di “Grande Prosa” del Teatro Stabile. Un classico del teatro di tutti i tempi che ritrova la sua dissacrante comicità grazie alla strepitosa interpretazione di un gigante del palcoscenico come Eros Pagni diretto da un regista sensibile ed esperto come Marco Sciaccaluga. Un binomio artistico oramai consolidato per questo spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Genova, presentato in prima regionale martedì 15 gennaio alle 20.30 al Forum di Bressanone e dal 17 al 20 gennaio (ore 20.30, domenica ore 16.00) al Teatro Comunale di Bolzano

...continua

Sono passati più di sessant’anni dallo strepitoso debutto a Broadway di “Un tram che si chiama desiderio”, coinvolgente e sconvolgente testo scritto dal drammaturgo statunitense Tennessee Williams e diretto da Elia Kazan; più di mezzo secolo è trascorso anche dalla sua versione cinematografica che confermò Marlon Brando nel ruolo del perfido Stanley Kowalski affiancandolo a Vivien Leigh nei panni della fragile Blanche Dubois.

...continua

Dopo i grandi successi delle recite di Bolzano e provincia, riparte a gennaio la tournée del fortunato spettacolo  “La Rosa Bianca”, diretto da Carmelo Rifici e intepretato da Andrea Castelli, Pasquale di Filippo, Gabriele Falsetta, Alessio Genchi, Tindaro Granata, Christian Mariotti La Rosa, Enrico Pittaluga e Irene Villa. La produzione dello Stabile di Bolzano sarà al Teatro Boiardo di Scandiano il 15 gennaio, al Comunale di Russi di Romagna il 16 e dal 21 al 27 gennaio al Piccolo Teatro di Milano. 

...continua

La Storia è ancora una volta al centro di uno spettacolo del Teatro Stabile che dal 15 novembre al 2 dicembre presenterà al pubblico in prima nazionale "La Rosa Bianca", testo scritto da Lillian Groag dedicato ai fratelli Sophie e Hans Scholl, fondatori del movimento antinazista "Die Weiβe Rose". E' il 22 febbraio 1943 quando Sophie e Hans Scholl vengono condannati a morte; la loro pacifica opposizione al Reich è divenuta emblema delle ribellione non violenta al Nazismo. 

...continua

Euripide ha scritto “Troiane” nel 415 a.C. lasciandoci una prova di grande forza innovativa sia per quanto riguarda i contenuti che la struttura drammaturgica di questa tragedia, non a caso tra le più rappresentate nel mondo in tutte le epoche. 

...continua

La nuova stagione del Teatro Stabile si apre nel segno di una radicale denuncia dei disastri della guerra, scritta 2400 anni fa: Troiane di Euripide è lo spettacolo che andrà in scena dall’8 all’11 novembre al Teatro Comunale di Bolzano. Il magazine televisivo “Chi è di scena” in onda su Video 3 e Rttr, sarà interamente dedicato a questa tragedia “rivoluzionaria” che rivive grazie alla regia di Marco Bernardi e all’interpretazione di Patrizia Milani, Carlo Simoni, Sara Bertelà, Corrado d’Elia, Valentina Bardi, Valentina Capone, Karoline Comarella, Gaia Insenga, Valentina Morini e Riccardo Zini. 

Interviste, immagini delle prove e del “dietro le quinte” dello spettacolo in onda su Video33 lunedì 5 novembre alle ore 21.00 e alle 23.30 e in replica martedì 6 novembre alle 14.30. Sulle frequenze di Rttr “Chi è di scena” verrà trasmesso martedì 6 novembre alle 22.30 e mercoledì 7 alle 11.30 e alle 0.30.

 
 
 

Due produzioni inaugureranno, a distanza di una settimana l’una dall’altra, la nuova stagione del Teatro Stabile di Bolzano. Due spettacoli legati dal filo rosso della Storia, vista e vissuta dalle donne: l’8 novembre andrà in scena Troiane di Euripide, tragedia diretta da Marco Bernardi e interpretata da Patrizia Milani, Carlo Simoni, Sara Bertelà e Corrado d’Elia, mentre il 15 novembre sarà la volta della prima italiana del testo di Lillian Groag La Rosa Bianca, dedicato al movimento antinazista fondato a Monaco dai fratelli Sophie e Hans Scholl, il cui coraggio è rimasto emblema della ribellione non violenta. 

...continua

Continua presso le casse del Teatro Comunale di Bolzano la vendita dei nuovi abbonamenti alla stagione La Grande Prosa che inaugurerà il prossimo 8 novembre nel segno di un grande classico, ovvero Troiane di Euripide per la regia di Marco Bernardi e l’interpretazione di Patrizia Milani, Carlo Simoni, Sara Bertelà e Corrado d’Elia. 

...continua

Da martedì 9 ottobre sono in vendita presso le casse del Teatro Comunale di Bolzano (tel 0471 05 38 00) i nuovi abbonamenti alla Stagione "La Grande Prosa": 10 spettacoli per tutti coloro che desiderano partecipare all'emozione del teatro per la prima volta o per chi desidera cambiare il posto o il turno rispetto alla passata stagione. 

...continua

Conto alla rovescia per l’inaugurazione della nuova stagione dello Stabile di Bolzano che avverrà l’8 novembre con Troiane, l’intensa tragedia di Euripide. Per la compagnia diretta da Marco Bernardi però, la nuova stagione teatrale è iniziata ieri, con il primo giorno di prove dello spettacolo che conta tra gli interpreti Patrizia Milani, Carlo Simoni, Sara Bertelà, Corrado d’Elia affiancati da Riccardo Zini, Valentina Bardi, Gaia Insenga, Valentina Morini e da due interpreti che collaborano per la prima volta con l’ente bolzanino, ovvero Valentina Capone e Karoline Comarella.

...continua

 

Corsi di Teatro

Incontri con i protagonisti della scena, visione degli spettacoli della sta-gione dello Stabile e laboratori per esercitare le tecniche di base dell’uso della voce e del corpo: questi sono gli elementi che rendono vincente la formula di “Giovani in scena”, progetto di avvicinamento al teatro che lo Stabile di Bolzano e il Dipartimento alla Cultura italiana della Provincia dedicano alle nuove generazioni a Bolzano e Bressanone.

...continua

 

L'inizio dell'anno scolastico coincide con la partenza delle iniziative del Teatro Stabile di Bolzano dedicate ai giovani e sostenute dal Dipartimento alla cultura italiana della Provincia. Ai nastri di partenza la 25.ma edizione di "W il Teatro! Teatro nella scuola" e la piattaforma di Corsi di teatro "Giovani in scena" a Bolzano e Bressanone, presentate oggi nel foyer del Teatro Comunale di Bolzano. 

...continua

Nuova stagione per il Teatro Stabile di Bolzano, nuovi appuntamenti con Chi è di scena, il tv-magazine di cultura teatrale e dello spettacolo del Teatro Stabile di Bolzano, in onda su Video33 e RTTR. 
Nella prima puntata di Chi è di scena sulle frequenze di Video33 lunedì 24 settembre alle ore 21.00 e 23.30 (in replica martedì 25 settembre alle 14.30) e su RTTR martedì 25 settembre, alle 22.30 e mercoledì 26 alle 11.30 e alle 00.30, il direttore del Teatro Stabile di Bolzano Marco Bernardi presenterà il cartellone bolzanino che inaugura con due testi capaci di lasciare testimonianza delle vicissitudini umane o di raccontare le pagine oscure del nostro recente passato: Troiane di Euripide e La Rosa Bianca di Lillian Groag.

...continua

L'inaugurazione della nuova stagione del Teatro Stabile di Bolzano, l'8 novembre, è affidata a Troiane, tragedia di Euripide: sarà Marco Bernardi a dirigerla portando in scena una delle più radicali denunce delle conseguenze tragiche della guerra. Interpretano questo classico immortale Patrizia Milani, Carlo Simoni, Sara Bertelà e Corrado d'Elia. La Storia vista e vissuta dal punto di vista femminile è il trait d'union che lega l'opera di Euripide a La Rosa Bianca, seconda produzione dello Stabile.

...continua

Seconda settimana per il rinnovo degli abbonamenti alla stagione La Grande Prosa del Teatro Stabile di Bolzano: fino al 6 ottobre proseguono le riconferme degli abbonamenti ai 10 appuntamenti in cartellone, che riunisce alcuni dei migliori spettacoli dell’odierna scena italiana in un dialogo continuo tra passato e presente. 

...continua

Euripide, Shakespeare, Molière, Italo Svevo, Tennessee Williams, Alan Bennett, Michael Frayn, Lillian Groag, Massimo Carlotto e Andrea Montali: la stagione La Grande Prosa 2012/2013 del Teatro Stabile di Bolzano tratteggia il profilo di dieci autori, attraversando epoche e generi letterari differenti. Dalle commedie ai drammi, per ribadire la centralità della scrittura e della parola recitata sul palcoscenico.

...continua