Toni Servillo, Alvia Reale, Alessandro Haber, Paolo Rossi, Natalino Balasso, Silvio Orlando, Mario Perrotta, Paola Roscioli e Andrea Castelli sono solo alcuni dei protagonisti del nuovo cartellone che lo Stabile propone a Merano. Abbonamenti in vendita fino al 18 novembre!

PUOI RESTARE QUANTO VUOI! Ė lo slogan della nuova stagione che presenta 11 spettacoli (8 al Puccini di Merano e 3 al Comunale di Bolzano che accolgono il pubblico e propongono autori, temi e protagonisti che compongono l’orizzonte della scena contemporanea internazionale.

Europa Cabaret” è uno spettacolo, ma nello stesso tempo anche un evento speciale e una coproduzione italiano- spagnola che aprirà la nuova stagione al Centro Trevi di Bolzano. Un luogo di cultura dove si incroceranno i testi di Michele De Vita Conti e Roberto Cavosi e le visioni registiche di Serena Sinigaglia e Carlos Martin nell’indagare il concetto di Europa. “Europa Cabaret” che verrà interpretato in prima assoluta da una compagnia plurilingue di attori, è un percorso drammaturgico che si interroga – tra il serio e il faceto - su cosa significhi sentirsi europei.

Esilaranti e malinconici sono i percorsi della memoria lungo cui Andrea Castelli condurrà il pubblico per ritrovare lo sguardo stupito e meravigliato di un tempo. “La Meraviglia – Voci e storie dalla città sotterranea” è uno spettacolo scritto da Castelli e interpretato con il l contrappunto musicale di Emanuele Dell’Aquila e diretto da Leo Muscato.

la meraviglia

Per la prima volta nelle stagioni dello Stabile di Bolzano, Toni Servillo, star del cinema e del teatro, giunge al Comunale di Bolzano come regista e interprete di “Elvira”, testo dedicato all’attività artistica di Louis Jouvet, grande innovatore del Teatro del Novecento. “Elvira”, spettacolo che ha all’attivo una tournée internazionale e che verrà presentato eccezionalmente in 5 recite, porta il pubblico in un teatro chiuso, quasi a spiare un grande regista e un’allieva impegnati nel particolare momento della creazione di un personaggio.

banner Elvira 007 FabioEsposito PiccoloTeatroMilano

Un vero e proprio omaggio al pubblico altoatesino sarà “Dove eravamo rimasti” spettacolo in cui Paolo Rossi racconta il suo teatro e la contemporaneità nel modo che da sempre lo contraddistingue: irriverente, rivoluzionario, pirotecnico e incontenibile. Il meglio del repertorio dell’indomabile guitto arricchito da aneddoti che riguardano la sua vita e il suo mestiere: un excursus che si nutre di cabaret, Molière, Cecchelin, Jannacci, Gaber e Shakespeare.

banner dellaquila rossi

Molto humour, poesia e delicatezza: Silvio Orlando sarà l’interprete di un uomo che, volontariamente, decide di vivere isolato in un paese quasi disabitato.Si nota all’imbrunire (Solitudine da paese spopolato)” è il testo che Lucia Calamaro – vincitrice di 3 Premi Ubu, gli Oscar del Teatro Italiano – ha scritto per Orlando per portare in scena la condizione – a volte drammatica-  della solitudine.

Quando i classici risplendono grazie agli sguardi degli artisti di oggi: “La casa nova” di Carlo Goldoni diretta da Giuseppe Emiliani e interpretata da Piergiorgio Fasolo, Stefania Felicioli, Lucia Schierano affiancati dalla compagnia dei Giovani del Teatro Stabile del Veneto, restituisce tutta la dinamicità della messa in scena e la vivacità dei dialoghi della commedia goldoniana.

casanova

La chiave di lettura che Valerio Binasco ha utilizzato per portare in scena la commedia “Arlecchino servitore di due padroni”, il capolavoro di Goldoni, vede Natalino Balasso nei panni di un Arlecchino con un forte e sentito richiamo all’umanità di vecchio stampo, di sapore paesano e arcaico, che lo avvicina alla commedia all’italiana. Dal 1949 continua a riscuotere un successo dilagante: stiamo parlando di “Morte di un commesso viaggiatore” di Arthur Miller, la storia di un piccolo uomo e di un sogno più grande di lui nell’America degli anni Cinquanta. Ad interpretarlo, per la prima volta, un animale del palcoscenico come Alessandro Haber affiancato da Alvia Reale. La regia è affidata alle sapienti mani di Leo Muscato.

lecomari banner

“Le allegre comari di Windsor” di William Shakespeare rivive grazie alla scrittura di Edoardo Erba e la regia di Serena Sinigaglia che tagliano e montano la commedia con grande ironia, innestando brani suonati e cantati dal vivo dal Falstaff di Verdi. A interpretare questa dirompente versione della commedia troviamo Mila Boeri, Annagaia Marchioro, Chiara Stoppa e Virginia Zini.

Gerschwin Suite / Schubert Frames” è il titolo di due omaggi ai giganti della musica che la MM Contemporary Dance Company, realtà di eccellenza della danza italiana, presenterà a Merano per il consueto appuntamento con la danza.

dellamadre

La stagione si conclude con il secondo capitolo della trilogia In nome del padre, della madre, dei figli di Mario Perrotta. Autore, attore sensibile e duttile, Perrotta sposta la lente di ingrandimento sulla figura “Della Madre”. Ad accompagnarlo nella sua indagine teatrale sulla figura materna troviamo lo psicanalista Massimo Recalcati e Paola Roscioli, attrice che lo affiancherà in scena.