ACROSS THE UNIVERSE

ideato, scritto, e diretto da Daniele Bonaiuti e Chiara Renzi              

con Daniele Bonaiuti, Chiara Renzi e Riccardo Reina           

 

produzione Teatro delle Briciole - Centro di produzione Parma     

Across the Universe, il nuovo spettacolo del Teatro delle Briciole, diretto e interpretato da Daniele Bonaiuti e Chiara Renzi trasferisce sulla scena la percezione di una relazione sottile e pervasiva tra cosmo e uomo, tra i fenomeni dell’universo e quelli dell’interiorità umana, tra i buchi neri distanti milioni di anni luce da noi e quelli che invece stanno dentro di noi, tra le esplosioni delle galassie e il magma dei sentimenti umani. Across the universe attraversa la vastità dell’universo, dei buchi neri e delle galassie con gli strumenti umani, concretissimi e metaforici, della finzione teatrale. Con l’urgenza quotidiana del vissuto, delle passioni e delle fragilità umana E traduce con leggerezza i massimi sistemi in una trama di dialoghi in cui quotidiano e cosmo si intrecciano, anche ironicamente, dentro un catalogo di desideri e di paure contemporanei, in una galleria di attrazioni, di fantasmi, di insicurezze, di desideri, di ritratti dell’oggi, dentro una voglia di spazio e di tempo infiniti. 

Il cosmo attraversa i cortocircuiti emotivi e le libere associazioni di idee di due personaggi e delle molte maschere che impersonano la serrata composizione di quadri scenici in cui si esprime nello spettacolo la relazione non astratta, ma tangibile, tra uomo e universo. Così l’infinità del tempo e dello spazio si confrontano ironicamente con il conto alla rovescia sempre sotteso alla finitezza e fugacità umane. La grandiosità dell’universo genera, comicamente ma non troppo, le paure connesse al catalogo obbligato di sfide che il presente ci impone.

Poiché il cosmo è teatro, allora il più semplice degli oggetti quotidiani può innescare una misurazione dello spazio che si fa testimonianza in presa diretta dalle galassie. E se lo spazio è immensità, esso può alimentare il desiderio del raccoglimento e della meditazione, la tentazione di immergersi nella sua alterità dalla società degli uomini. Ma il cosmo è anche suprema bellezza che relativizza e cura, e la luna può accompagnare la capacità di abbandono alla compenetrazione tra cosmo e amore.

 

Bressanone: Forum, 30 gennaio h. 10:30

Brunico: H. M. Pacher, 31 gennaio h. 10.30 

Merano: Teatro Puccini, 1 e 2 febbraio h.10.30

Vipiteno: Teatro Comunale, 6 febbraio h.10.30

Laives: Aula Magna, 7 febbraio h.10.30

Bolzano: Teatro Comunale di Gries dal 20 al 23 febbraio h.10.30