LA SIRENA

ZINGARETTI RACCONTA LA PASSIONE E L ESTASI DELLA SICILIA DI GIUSEPPE TOMASI DI LAMPEDUSA

dal racconto Lighea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa
drammaturgia Luca Zingaretti
musiche composte da Germano Mazzocchetti
con Luca Zingaretti

ZOCOTOCO SRL

 

 

Bolzano: Teatro Comunale Teatro Studio

sabato 10 febbraio h. 20.30
domenica 11 febbraio h.16.00

 

Luca Zingaretti dà voce e corpo a una storia intensa, scritta poco prima di morire da Giuseppe Tomasi di Lampedusa che trasmette tutta la ricchezza della poesia della terra siciliana.Nel tardo autunno del 1938 due uomini si incontrano casualmente in una fredda Torino a entrambi estranea. Paolo Corbèra è nato a Palermo, laureato da poco in Giurisprudenza e lavora come redattore de La Stampa. Rosario La Ciura è nato ad Aci Castello vicino a Catania, ha settantacinque anni, ed oltre ad essere senatore, è il più illustre ellenista del tempo. A poco a poco i due sconosciuti entrano in una garbata e cordiale confi denza. Tra rifl essioni erudite, dialoghi sagaci, battute cinicamente ironiche i due siciliani trascorrono il tempo conversando di letteratura, di antichità, di vecchie e nuove abitudini di vita. In un immaginario viaggio geografi co e temporale tra il Nord e il Sud, emerge un mondo costruito sulla passione e l’estasi. Alle avventure raccontate dal giovane Corbèra si sostituisce, in modo tanto sinuoso quanto dirompente, l’amore del vecchio per una creatura dal sorriso che esprime «bestiale gioia di esistere», dal «profumo mai sentito, un odore magico di mare», dalla voce che pare un canto. Dalle pagine del racconto di Tomasi di Lampedusa
emerge con vigore la calda Sicilia: l’odore della salsedine, il sapore dei ricci di mare, il profumo di rosmarino sui Nèbrodi, il gusto del miele di Melilli, le raffi che di profumo degli agrumeti.Di tutte queste sensazioni si arricchisce la lettura - spettacolo La Sirena, di cui Luca Zingaretti non è solo interprete, ma anche curatore della regia e dell’adattamento drammaturgico, tra carnalità del Presente e spiritualità dell’Antichità.

 

Durata 65 minuti, atto unico

 

Bolzano: Teatro Comunale Teatro Studio

sabato 10 febbraio h. 20.30
domenica 11 febbraio h. 16.00