IL SECONDO FIGLIO DI DIO

L’avventura di un mistico. L’utopia di un visionario

 

scritto da Manfredi Rutelli e Simone Cristicchi

regia Antonio Calenda

musiche originali Simone Cristicchi e Valter Sivilotti

con le voci registrate del Coro Ensemble Magnificat di Caravaggio

preparato dal Maestro Massimo Grechi

diretto da Valter Sivilotti

disegno luci Cesare Agoni

scene e costumi Domenico Franchi  

con Simone Cristicchi

 

CTB CENTRO TEATRALE BRESCIANO/ PROMO MUSIC con la collaborazione del Mittelfest 2016 e Dueffel Music

 

 

In cima a una montagna, davanti a una folla adorante di quattromila persone, un uomo si proclama reincarnazione di Gesù Cristo. È il luglio del 1878. L’inizio di una rivoluzione possibile, che avrebbe potuto cambiare il corso della Storia. Simone Cristicchi presenta Il secondo figlio di Dio, il suo nuovo spettacolo teatrale ispirato alla vicenda incredibile, ma realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”.
Dopo il grande successo di Magazzino 18, Simone Cristicchi torna a stupire il pubblico con una storia poco conosciuta, ma di grande fascino. Il secondo figlio di Dio racconta la grande avventura di un mistico, l’utopia di un visionario di fine Ottocento, capace di unire fede e comunità, religione e giustizia sociale. Tra canzoni inedite e narrazione, Cristicchi ricostruisce la parabola di Lazzaretti, il figlio di un carrettiere diventato predicatore eretico con migliaia di seguaci; ne ripercorre il sogno rivoluzionario per i tempi che è culminato nella realizzazione della “Società delle Famiglie Cristiane”: una società più giusta, fondata sull’istruzione, la solidarietà e l’uguaglianza. Un proto-socialismo che sposava i principi del Vangelo delle origini, citato e studiato anche da Gramsci, Tolstoj e Padre Balducci. Il cant’attore Cristicchi racconta l’”ultimo eretico” Lazzaretti e il piccolo lembo di Toscana che fu maggiormente interessato dalla sua predicazione, vale a dire Arcidosso sul monte Amiata e la Maremma grossetana. Nonostante fosse limitata, quest’area divenne lo scenario di un tentativo di fondare una società nuova, più solidale ed etica. E quella terra così aspra e bella, che abitua i suoi figli alla durezza del lavoro, ma anche all’idea di cooperazione, dove la natura sembra quasi resistere alla trasformazione in paesaggio: quella terra è certamente la coprotagonista nel racconto della straordinaria vicenda di David Lazzaretti, Il Secondo figlio di Dio. Una storia che se non te la raccontano, non la sai. La storia di un’idea. La storia di un sogno.

 

Durata 105 minuti

 

Brunico: Haus Michael Pacher martedì 7 febbraio h. 20.30 acquista

Vipiteno: Teatro Comunale giovedì 9 febbraio h. 20.30 acquista

Bressanone: Forum venerdì 10 febbraio h. 20.30 acquista

Merano: Teatro Puccini lunedì 13 febbraio h. 20.30 acquista