Cartella stampa 2015/2016

 

Walter Zambaldi, 39 anni, bolzanino, sarà il successore di Marco Bernardi alla direzione del Teatro Stabile di Bolzano a partire dal 18 giugno 2015. Lo ha nominato oggi all’unanimità il Consiglio di Amministrazione del Teatro Stabile presieduto da Giovanni Salghetti Drioli.
Lo Stabile ha promosso una selezione pubblica alla quale hanno risposto 71 candidati di ogni parte d’Italia. Il Consiglio di Amministrazione ha nominato una Commissione composta da Marco Bernardi, Leonardo Cantelli, Claudia Cannella e Carlo Corazzola, con il compito di verificare quali fossero i candidati in possesso di tutti i requisiti richiesti dal bando.
Alla fine dell’accurato percorso di selezione la Commissione e il Consiglio di Amministrazione hanno individuato in Walter Zambaldi una figura manageriale qualificata, capace di coniugare conoscenza e passione teatrale con competenze amministrative, oltre all’ottima conoscenza delle realtà culturali e teatrali del Trentino Alto Adige.
Zambaldi è nato a Bolzano nel 1975, si è formato al Teatro Stabile come assistente di Marco Bernardi dal 1997 al 2003; dal 2005 è direttore de “La Corte Ospitale”, centro di produzione, formazione, ricerca per il teatro con sede a Rubiera in provincia di Reggio Emilia, rilanciandolo dal punto di vista artistico e mettendolo in sicurezza in termini di gestione economica.
In questi anni ha ideato e realizzato per “La Corte Ospitale”, programmando anche il Teatro Herberia di Rubiera, un progetto residenziale per compagnie teatrali che è diventato un modello artistico e produttivo apprezzato in Italia e all’estero, avviando collaborazioni con artisti come Massimo Castri, Pippo Delbono, Moni Ovadia, Danio Manfredini,  Claudio Longhi, Fausto Paravidino, Corrado d’Elia, Giuseppe Battiston, Isabella Ragonese, Serena Sinigaglia, David Riondino e molti altri. Ha inoltre dato vita a “Forever Young?”, un progetto di sostegno alla produzione di giovani compagnie italiane. Dal 2010 è produttore degli spettacoli di Paolo Rossi.
Il presidente Giovanni Salghetti Drioli e il direttore Marco Bernardi esprimono soddisfazione per l’ottima scelta fatta sia dal punto di vista della competenza che della necessità di un ricambio generazionale, sia della tempistica che consente di preparare serenamente nel corso di un anno il passaggio delle consegne fra i due direttori. Il contratto avrà la durata di tre anni ed è rinnovabile.
E’ la prima volta nella storia lunga 65 anni del Teatro Stabile di Bolzano che un bolzanino raggiunge l’obbiettivo di dirigerlo.

Created: 04/09/2015 17:20