"TROIANE" METTE IN SCENA L'ORRORE DELLA GUERRA

 

Euripide ha scritto "Troiane" nel 415 a.C. lasciandoci una prova di grande forza innovativa sia per quanto riguarda i contenuti che la struttura drammaturgica di questa tragedia, non a caso tra le più rappresentate nel mondo in tutte le epoche. Si tratta del primo testo pacifista della civiltà occidentale, della prima radicale denuncia della totale insensatezza della guerra, di tutte le guerre. Già questo è sufficiente per caratterizzare "Troiane" in una dimensione storica e politica significativa, ma c'è di più: il punto di vista sulla sconfitta di Troia, sul conseguente massacro militare e sulla deportazione delle donne superstiti, non è quello dei vincitori, i Greci (ai quali apparteneva Euripide), ma quello degli sconfitti, i Troiani. O meglio le Troiane e questo è l'altro aspetto rivoluzionario della tragedia: in scena ci sono quasi esclusivamente donne, Ecuba (Patrizia Milani), Cassandra (Gaia Insenga), Andromaca (Sara Bertelà), Elena (Valentina Bardi), il Coro (Valentina Morini e Karoline Comarella). Sono loro a farci vivere il dramma delle prigioniere in attesa di conoscere il proprio destino di profughe, sono loro che hanno perso mariti, padri, figli e che ci fanno capire fino in fondo l'orrore e la stupidità della guerra.

cmm DSC 5454 Karoline Comarella, Patrizia Milani, Valentina Morini

Un altro argomento molto interessante è il continuo interrogarsi sul tema del divino che i personaggi fanno, in particolare la deposta regina Ecuba, lungo tutta la tragedia. Anzi, gli dei, Poseidone, dio del mare (Carlo Simoni) e Athena, dea della guerra (Valentina Capone),  sono in scena all'inizio e alla fine dello spettacolo, ineffabili e capricciosi, inquieti e vendicativi.

Anche dal punto di vista formale "Troiane" è un capolavoro innovativo e sperimentale. La storia è raccontata per episodi (quello di Cassandra, di Andromaca, di Elena) che sembrano essere autonomi l'uno dall'altro dal punto di vista del linguaggio teatrale e del registro stilistico, quasi tre spettacoli diversi all'interno di uno stesso spettacolo. Al contrario il personaggio di Ecuba, presente in scena dall'inizio alla fine, rappresenta l'unità della tragedia, il "basso continuo" che accompagna i vari episodi, legando le diverse prospettive dei personaggi ad un destino umano comune a tutte le donne dei popoli sconfitti. Ci sono solo due uomini, Taltibio (Corrado d'Elia) e Menelao (Riccardo Zini): non fanno una gran bella figura, tra crudeltà inutile, fragilità di fronte a Eros e Afrodite, superficialità di analisi antropologica e sociale.

Tutto questo fa di "Troiane" una tragedia densa di materiali tematici e formali molto interessanti, con continui colpi di scena che mutano la prospettiva dei fatti, tanto da farne un testo molto amato dai registi contemporanei per la ricchezza di stimoli, per la capacità di farsi capire con straordinaria efficacia nonostante i suoi 2.427 anni, tanto da sembrarci "moderno", come spesso succede con il teatro di Euripide.

 DSC 5260Riccardo Zini, Valentina Bardi

Oggi il problema della messa in scena della tragedia greca è un problema di reinterpretazione di un modello di teatro che non c'è più. Euripide, autore e regista, lavorava secondo un canone teatrale codificato in modo molto preciso ma radicalmente diverso dal nostro. Il Teatro di Dioniso ad Atene, dove le tragedie venivano rappresentate, era un teatro/stadio con circa 15.000 posti a sedere, con distanze enormi tra scena e pubblico. Gli spettacoli venivano rappresentati in pieno giorno, senza effetti di luce, ed erano scritti in versi, per un'esecuzione prevalentemente cantata, come all'opera. Gli attori/cantanti erano tutti maschi, (si pensi che effetto "straniante"doveva essere per una storia tutta femminile come quella delle "Troiane"), con maschere che tipicizzavano i personaggi: 12 attori/cantanti/danzatori per il coro e tre solisti per tutti gli altri personaggi. Nel caso di "Troiane" un solista interpretava Ecuba e gli altri due, alternandosi, interpretavano gli altri 7 personaggi. Tutto questo condizionava fortemente la progettazione, la scrittura e la messa in scena dei testi che sono infatti figli di questo canone teatrale preciso e rigido, del tutto particolare.

Il teatro di prosa di oggi è profondamente diverso: spazi più piccoli e chiusi, luce artificiale, recitazione e non canto, disabitudine alle maschere, impostazione recitativa più realistica. Per mettere in scena Euripide oggi, bisogna quindi prima di tutto tenere conto delle enormi differenze dei due linguaggi teatrali e riprogettare conseguentemente la scrittura scenica di questi testi. Bisogna in qualche modo inventare un nuovo mondo teatrale in cui riposizionare le storie narrate, tradurre non solo il testo dal verso in greco antico alla prosa dell'italiano contemporaneo, ma anche tutte le altre strutture drammaturgiche da quella tipologia di teatro alla nostra.

Quando ho messo in scena "Medea", per esempio, il sipario si apriva su un cantiere di scavi dove una giovane archeologa lavorava alla ripulitura di alcuni oggetti appena rinvenuti, poi in una pausa del lavoro leggeva "Medea" di Euripide immaginando i personaggi, come facciamo tutti noi quando leggiamo, e quindi evocando la storia. Da lì si sviluppava tutta la tragedia, dall'immaginazione di una giovane lettrice di oggi. Questa "cornice" mi ha consentito allora di definire con precisione il mondo reale, concreto in cui si svolgeva la tragedia, senza l'imbarazzo del "finto antico" ma permettendomi di rispettare fedelmente lo spirito del  testo.trDSC 4815 Corrado d'Elia, Patrizia Milani, Gaia Insenga

Con "Troiane", assieme a Gisbert Jaekel (scene), Roberto Banci (costumi), Franco Maurina (suoni e immagini) e Lorenzo Carlucci (luci),  stiamo lavorando su tre piani narrativi diversi, tre dimensioni teatrali. Un primo livello storicizzato e metafisico, quello degli dei, quasi un tuffo indietro nel tempo fino al 415 a.C. come in una citazione iconografica della scultura greca del tempo che avvia e conclude lo spettacolo. Poi il plot, la storia raccontata da Euripide in tempo reale delle donne prigioniere in attesa della loro deportazione, che è invece messa in scena con realismo, in una dimensione temporale che allude alla modernità senza stravolgere il testo. Infine una spezzatura del flusso narrativo causata da alcuni interventi in video-proiezione che provocano la brusca irruzione  nella storia reale che si svolge lì davanti a noi, e di conseguenza nella mente dello spettatore, di immagini di cronaca contemporanea, come se le news della CNN o di AL JAZEERA si sovrapponessero per qualche istante a quanto accade alle  donne della "nostra" Troia. 

Questi tre diversi livelli narrativi dello spettacolo fecondano la ricchezza dei registri stilistici concepiti da Euripide in modo molto efficace, emozionandoci attraverso il collegamento continuo tra passato e presente, in una prospettiva di circolarità della Storia che, purtroppo, sembra incombere sugli esseri umani come un destino ineluttabile e tremendo. Suscitando in noi, smarriti spettatori contemporanei, quei sentimenti di "paura e pietà" ai quali si riferiva Aristotele nella sua "Poetica" a proposito del senso del tragico.

Marco Bernardi

Testo pubblicato sul quotidiano Alto Adige  il 7.11.2012